Design

Quando i giocattoli per adulti diventano… eco-sostenibili!

Anche l’amore e il piacere possono essere eco-sostenibili e il colore della passione variare dal rosso al verde. Adesso è possibile comperare manette in plastica riciclata, oggettistica in legno di provenienza certificata, preservativi “vegani” che non contengono lattice a differenza della maggioranza di quelli venduti.

Quando i giocattoli per adulti diventano… eco-sostenibili!

Questi strumenti per movimentare le proprie serate – ma ad impatto zero – sono acquistabili on line in molti siti e disponibili in negozi anche non rigorosamente “a tema”.

Questi “eco-giocattoli” per adulti sono tutti in materiali naturali e di lunga durata (legno, vetro, silicone o metallo riciclati e certificati, plastica riciclata e pvc) , non sono testati su animali, e non contengono ftalati (composto della plastica molto pericoloso). Molti hanno anche  la possibilità di essere ricaricati con batterie, che è una buona opzione per ridurre lo spreco. Inoltre l’imballaggio è spesso in materiale riciclabile.

Anche i vegani hanno a disposizione dei prodotti ad hoc, che certificano di essere cruelty-free e a base di materiale non di origine animale.

Per esempio, Good Vibrations, una società di San Francisco, con l’introduzione della linea “Eco-rotic”è stata la prima ad effettuare ricerche perché la sofficità dei suoi prodotti fosse priva di effetti chimici nocivi, perché il suo credo è che “si può comprare un oggetto di piacere ed allo stesso tempo essere amici della natura, riducendo l’impatto che la sua produzione ha causato sull’ambiente“.

L’azienda americana ha in catalogo olii, cere e polveri varie per il corpo senza derivati del petrolio, quindi anche a basso rischio di reazioni allergiche, e uno dei pezzi che va per la maggiore è il “Vanity Bunny”.

Esistono poi in commercio dei profilattici amici della natura, perché biodegradabili e realizzati senza caseina. Inoltre, alcuni marchi sostengono la loro distribuzione gratuita in quei Paesi con emergenze di malattie veneree come Haiti, Tailandia e Uganda.

In materia, pare che anche i clienti italiani siano diventati più esigenti e che siano tra i più attenti alle nuove “tecnologie” applicate. Così anche nel Belpaese sono maggiormente richiesti prodotti con carica-batteria e in materiale di origine naturale, mentre viene data maggior cura alla loro manutenzione, proprio per diminuire lo spreco.

Della serie, cose che avete sempre voluto sapere sull’eco-sosostenibilità e non avete mai osato chiedere…

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close