Notizie

Rapporto ISMEA: quali sono i prodotti bio più acquistati?

In Italia si conferma il trend molto positivo del mercato biologico.

Ma come sono distribuite le aziende bio nella penisola e quali sono i prodotti più “gettonati” dai consumatori? Da un rapporto Ismea emerge che le aziende agricole bio italiane sono localizzate principalmente al Sud e nelle Isole: questo vale sia per le aziende ad indirizzo vegetale (40% aziende cerealicole e 25% aziende orto-frutticole) sia per quelle ad indirizzo zootecnico.

Rapporto ISMEA: quali sono i prodotti bio più acquistati?

Nel Nord del Paese invece si nota una più consistente presenza delle aziende di trasformazione con Emilia Romagna e Lombardia che guidano la classifica regionale.
Per quanto riguarda, invece, i canali di vendita utilizzati dalle aziende bio, è necessario fare una distinzione tra le aziende di produzione primaria e le aziende di trasformazione:

  • Le prime vendono circa il 35% del prodotto ad aziende o cooperative di trasformazione, il 20% a grossisti e il 20% direttamente al consumatore finale, la restante parte invece vende il prodotto a negozi specializzati, GDO, e aziende di trasformazione.
  • Le aziende di trasformazione, operanti nel settore orto-frutticolo, invece, per il 55% del totale vendono il prodotto a grossisti, il 20% alla GDO, il 20% ad altre aziende di trasformazione e solo il 5% direttamente al consumatore finale.

Al contrario, i destinatari dei prodotti zootecnici trasformati risultano essere principalmente la GDO o la vendita diretta che rappresenta un importante canale di vendita soprattutto per le aziende medio-piccole e ben organizzate; la restante quota, invece, è destinata ai negozi specializzati.

Andando a vedere un po’ più nel dettaglio, scopriamo che per l’ortofrutta fresca e trasformata la crescita, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, è stata del 4%. Per i derivati dei cereali vengono segnalati incrementi intorno al 15-20% per il  pane e i suoi sostituti, biscotti, dolciumi e snack.

Crescono del 9,5% le paste di semola bio, mentre arretrano del 17% circa gli acquisti di riso. A contribuire alla crescita dei prodotti biologici sono stati, in questi primi nove mesi, anche l’olio extravergine bio, che segna un +20% e le uova (+7,5%).

Nel comparto lattiero caseario (che totalizza un +10,4%) i dati Ismea evidenziano un buon risultato in particolare per il latte fresco (+23%) e incrementi più contenuti per burro (+9,3%) e yogurt (+2%).

Se andiamo a verificare le vendite dei prodotti Bio nel nostro Paese, scopriamo che nel Sud e in Sicilia si ha una crescita del 25,3%, nel Nord Est del 15,4%, nel Nord Ovest del 9,7% e, fanalino di coda,  il Centro e la Sardegna con un +3,3%.

Negli ipermercati italiani la crescita delle vendite di prodotti bio invece per questo 2010 segna un +21.7%

 

Articoli correlati

Un commento

  1. Articolo interessante.
    Vorrei sapere, però, se avete dati sui formaggio biologici stagionati.
    Grazie mille
    Anna Paola De Bellis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close