Notizie

Report: la Gabanelli attacca sulla gestione delle rinnovabili, miliardi buttati?

Ieri sera Milena Gabanelli nella trasmissione Report ha affrontato un tema che farà molto ma molto discutere: la gestione  degli obblighi relativi alla migrazione da fonti di energia basate sul petrolio-Carbone alle rinnovabili, evidenziando come in realtà vacilli  la “certezza” che si aveva sinora, cioè del fatto che ad oggi in Italia il 31,6 per cento di tutta l’energia elettrica provenga da fonti rinnovabili.

Report: la Gabanelli attacca sulla gestione delle rinnovabili, miliardi buttati?

A livello di impegni comunitari questi numeri non conterebbero perchè secondo Report le aziende  comprerebbero energia “rinnovabile” prodotta all’estero su cui NON c’è garanzia invece di acquistare i certificati verdi che garantiscono la produzione locale di energia rinnovabile secondo standard europei perchè costano troppo..

Ricordiamo gli impegni imposti a livelli di Comunità Europea:  l’Italia ha l’obbligo entro il 2020 di ridurre drasticamente le emissioni di anidride carbonica e di consumare il 17 per cento dell’energia  esclusivamente da fonti rinnovabili.

Risultato: secondo  Report NON stiamo progredendo nei nostri impegni verso l’Europa.

Le aziende che dovrebbero comprare i certificati verdi userebbero quindi “escamotage” e non li acquistano mentre lo stato tramite il GSE, Gestore dei Servizi Energetici si è impegnato a ricomprare sul mercato i certificati verdi che rimangono inevasi per un valore di circa 1 miliardo di euro all’anno, il tutto con costi che si scaricano sulla bolletta energetica dei cittadini che però non conseguono gli obiettivi previsti…

Ecco sotto tutta l’inchiesta di report, divisa in 8 filmati su Youtube, a voi il giudizio.

ATTENZIONE: selezionate il link e tasto destro del mouse, apri in nuova finestra, potrebbero se no non aprirsi correttamente

Report 28/11/2010 Girano le pale 1-8

Report 28/11/2010 Girano le pale 8-8

Articoli correlati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button