Notizie

Riciclo acciaio in Italia, nel 2013 è stato del 73%

Il riciclo acciaio in Italia, nel 2013 è stato del 73%, rendendo il nostro Paese uno dei più attivi dell’Europa. Povero di materie prime, ha fatto di necessità virtù, arrivando a riciclare ben il 73,6% del totale, ossia oltre 320mila tonnellate di questo prezioso metallo.

Riciclo acciaio in Italia, nel 2013 è stato del 73%

Questi dati positivi – seppur in leggera decrescita rispetto all’anno precedente – sono stati resi noti da Ricrea, il consorzio nazionale senza scopo di lucro per la raccolta e il riciclo degli imballaggi in acciaio.

Leggi anche: Italia al top per riciclo di imballaggi metallici: nel 2012 è arrivato al 75% 

Del resto sono tanti i prodotti di largo consumo che lo contengono: scatolette per alimenti, bombolette aerosol, i grandi fusti industriali, i tappi “a corona”. E si stima che il quantitativo di acciaio immesso a consumo lo scorso anno è stato pari a 435.149 tonnellate; vale a dire il peso di 54 Tour Eiffel messe insieme.

Il riscontro positivo per l’ambiente è notevole: attraverso questo enorme riciclo dell’acciaio in Italia si è ottenuto un risparmio diretto di 608.439 tonnellate di minerali di ferro e di 192.138 tonnellate di carbone come fonte energetica, e si è evitata l’emissione di 573.213 tonnellate di CO2.

Lo sapevi? Come ricavare metalli preziosi dai rifiuti elettronici, un nuovo metodo italiano 

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button