Eventi

Sbloccato il Fondo Kyoto da 600 milioni per incentivare le rinnovabili

Finalmente una buona notizia in tema di finanziamenti per le rinnovabili. Dal prossimo 15 marzo i cittadini italiani potranno usufruire delle agevolazioni previste dal Fondo Kyoto per un totale di 600 milioni di euro.

Sbloccato il Fondo Kyoto da 600 milioni per incentivare le rinnovabili

I finanziamenti, ottenibili con un tasso agevolato pari allo 0,5% per 6 anni rimborsabili in rate semestrali, potranno essere richiesti da privati, enti pubblici, condomini e imprese per realizzare interventi volti alla riduzione delle emissioni di gas serra, come pannelli fotovoltaici, minieolico e impianti a celle combustibili.

Gli incentivi dovrebbero così coprire il 70% dei costi totali per le persone fisiche e giuridiche, condomini e imprese, e il 90% per enti pubblici.

Tutte le domande possono essere inoltrate on-line compilando il form disponibile sul sito della Cassa Depositi e Prestiti che gestisce il Fondo Kyoto.

Per maggiori informazioni è attivo un Numero Verde 800 098 754

Un’occasione da cogliere al volo!

Forse ti potrebbe interessare anche:

 

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close