Categories: Piante e fiori

La Schlumbergera, la pianta che regala magnifiche fioriture in pieno inverno

Caratteristiche, varietà e consigli per la cura e la coltivazione del Cactus di Natale

Oggi andiamo a conoscere più da vicino la Schlumbergera. Chiamata anche “Cactus di Natale”, è una pianta succulenta dai rami molto lunghi. È particolarmente apprezzata per la lunga fioritura invernale.

Schlumbergera, cos’é

La Schlumbergera è una pianta tropicale ibrida che nasce dall’unione tra da due piante parentali uniche, entrambe originarie delle foreste pluviali dell’America del sud, nello specifico in Brasile.

Si tratta di una succulenta che, in base alla specie, fiorisce in diversi periodi dell’anno. Tuttavia, la maggior parte delle varietà di Schlumbergera regala splendide fioriture nel periodo che va da fine autunno a inizio inverno. Non a caso la pianta è conosciuta anche come Cactus di Natale.

Schlumbergera, caratteristiche

Si tratta di una pianta vistosa anche se non ingombrante. Può infatti raggiungere i 40 cm di altezza.

I lunghi rami segmentati, cosiddetti cladodi, sono lunghi dai 2 ai 4 cm. Sono carnosi e verdi, talvolta con sfumature rossastre.

I fiori sono in genere di colori vivaci. Le specie più comuni hanno fioriture fucsia, viola o di un bel rosso vivo. Non mancano tuttavia varietà con fiori bianchi, gialli e arancioni. In base alle diverse varietà, le fioriture si verificano in diversi momenti dell’anno ma prevalentemente sotto Natale, da qui il suo soprannome.

Ogni ibrido presenta fiori più o meno grandi, dal portamento eretto o ricadente.

In generale, queste piante sopportano temperature inferiori agli 0° C, ma normalmente vengono coltivate in casa, dove fioriscono e crescono più rigogliose. Non bisogna però eccedere con il caldo: puntare il termostato intorno ai 20° C e, in primavera, trasferirle all’esterno.

Fioritura della Schlumbergera

Le varie specie appartenenti a questo genere, di solito fioriscono tra la fine dell’autunno e l’inizio della stagione invernale. Altre invece possono fiorire addirittura più volte durante lo stesso anno.

In qualunque periodo accada, le fioriture sono sempre abbondanti e molto vistose.

Le condizioni ideale per una bella fioritura rigogliosa si hanno quando le Schlumbergera non ricevono luce per troppe ore al giorno e alle stesse viene assicurata una temperatura massima di 18°C circa.

La fioritura non dura molto e dipende tantissimo dalla temperatura. Di media, il singolo fiore rimane aperto 4 giorni per poi appassire in maniera progressiva. Se il fiore non secca e cade spontaneamente, una volta appassito va staccato a mano.

Varietà di Schlumbergera

Le specie di Schlumbergera attualmente conosciute sono le seguenti.

  • Schlumbergera Kautskyi: originaria del Brasile sud-orientale, vive bene nelle zone piuttosto rocciose. Ha steli verdi privi di foglie e gambi molto appiattiti. I fiori, di un viola molto vistoso, si sviluppano orizzontalmente
  • Schlumbergera Microsphaerica: rispetto alla maggior parte delle Schlumbergera, questa varietà ha steli ramificati e composti da segmenti stretti e di forma cilindrica. I fiori sono pendenti e di un colore fucsia molto acceso
  • Schlumbergera Opuntioides: gli steli giovani hanno forma appiattita, quando poi la pianta diventa più grande assumono un aspetto cilindrico e legnoso. I fiori, dalla posizione orizzontale, sono di un bel rosa delicato, sfumano nel porpora verso l’esterno, mentre all’interno c’è un tubo floreale bianco. Il frutto ha forma sferica ed è verde
  • Schlumbergera Orssichiana: originaria di una piccola area delle montagne costiere del Brasile sud-orientale, è una pianta epifita ovvero che che cresce sugli alberi. Ha fiori penduli di circa 9 cm con petali rosa e bianchi e rosa. Può fiorire anche 3 volte in un anno: marzo, agosto e novembre
  • Schlumbergera Russelliana: specie epifita dal lungo fusto che può arrivare a misurare anche 1 metro. I fiori, disposti a stella, hanno un colore che varia dallo scarlatto al rosa-violaceo
  • Schlumbergera Truncata: specie dalle dimensioni contenute con fusti appiattiti verde intenso. Si tratta di una pianta epifita a cascata ramificata. Alle estremità pendono dei fiori che variano nel colore: rosso, bianco, arancione e viola. La fioritura avviene tra la fine dell’autunno e l’inizio dell’inverno. Il frutto, tondo e liscio, ha una forma che ricorda una pera

Come si cura la Schlumbergera

Si tratta di una pianta molto facile da coltivare che non richieda particolari attenzioni. Trattandosi di una pianta tropicale è molto più semplice da coltivare in casa e da tenere in appartamento piuttosto che in piena terra.

Vediamo qui di seguito gli accorgimenti da tenere presenti per prendersene cura al meglio.

  • Clima e temperatura: la temperatura ideale è compresa tra 18°C e 23°C. Non deve mai scendere al di sotto dei 10°C. Richiede il 50-60% di umidità.
  • Esposizione: ama la mezz’ombra e non va mai lasciata alla luce diretta del sole. Una eccessiva esposizione ai raggi solari può infatti bruciare i gambi che diventano rossastri.
  • Terreno: predilige un terreno particolarmente fertile e ben drenato. È buona cosa miscelare il terriccio normale con sabbia o piccole pietre per favorire il drenaggio.

Come annaffiare la Schlumbergera

In estate va annaffiata in maniera regolare ma non troppo abbondantemente. In inverno limitare di molto le irrigazioni. Comunque sia, tra un’annaffiatura e l’altra, occorre sempre assicurarsi che il terreno sia ben asciutto. Il terreno umido può infatti provocare problemi di marciume radicale o altre patologie di carattere fungino.

Schlumbergera, concime e potatura

Ogni 2 settimane circa, somministrare del concime specifico per piante succulente, da miscelare all’acqua delle innaffiature. Deve essere ricco di potassio e povero in azoto.

Interrompere la concimazione un mese prima della fioritura invernale, quindi a fine ottobre.

Per quanto riguarda la potatura, va premesso che non è corretto parlare di una vera e propria potatura. In ogni caso, un mese dopo la fioritura vanno eliminati solo i fiori appassiti e le parti secche o danneggiate.

Come riprodurre la Schlumbergera

La moltiplicazione delle Schlumbergera avviene per seme o per talea. Quest’ultima è la tecnica più diffusa nonché un’operazione che tutti sono in grado di fare. Ecco come procedere:

  • tagliare una o più foglie utilizzando lame ben affilate e disinfettate
  • far asciugare le talee per qualche giorno (possono essere sufficienti 24/48 ore ma in alcuni casi occorre attendere addirittura anche 7 giorni)
  • attendere la formazione di una sorta di callo/cicatrice nel punto del taglio
  • appoggiare le talee su uno strato di sabbia umida
  • una volta che le radici avranno raggiunto 10 cm di lunghezza, mettere a dimora in terriccio costituito da torba e sabbia in uguale misura

Il trapianto tramite talea va fatto in primavera o a inizio estate ed è necessario garantire alla pianta una temperatura di circa 20/22°C.

Per aumentare le possibilità di attecchimento, utilizzare un ormone radicale.

Rinvaso

La pianta ha uno sviluppo lento, per questo il rinvaso va fatto ogni 3-4 anni utilizzando un vaso un poco più grande rispetto al precedente. Maneggiare con cura durante l’operazione in quanto si tratta di una pianta molto delicata.

Se la Schlumbergera non fiorisce

Affinché la pianta ci regali splendide fioriture bisogna creare le condizioni ideali. Dalla fine di ottobre va tenuta in un ambiente che di notte presenti una temperatura compresa tra 10 e 13 gradi. La stanza deve essere completamente oscurata per almeno 12-14 ore.

Schlumbergera fiori molli

I casi possono essere la mancanza di luce e/o la troppa acqua.

Parassiti e malattie

Le diverse varietà di Schlumbergera sono piante piuttosto resistenti che non contraggono malattie con troppa facilità. Ciononostante, non sono immuni dagli attacchi di parassiti. Tra i suoi nemici più pericolosi ricordiamo gli afidi e la cocciniglia, in grado di trasmettere pericolosi virus. Anche i funghi possono causare danni specie all’apparato radicale. E’ proprio per questo motivo che si consiglia di prestare particolare attenzione a non creare pericolosi ristagni idrici.

Per eliminare i funghi e per contrastare afidi e cocciniglie, è necessario ricorrere a prodotti specifici.

Se invece la pianta viene colpita da un virus specifico, allora è necessario distruggerla definitivamente, poiché non esiste una cura.

Abbinamenti

Vive meglio in vasi singoli. Le piantine piccole possono stare in gruppi misti insieme ad altri cactus.

Schlumbergera, vendita on line

In rete si trovano molte offerte di diverse varietà ed ibridi di Schlumbergera e naturalmente i semi. Ad esempio:

Schlumbergera e tossicità

Alcune parti delle piante contengono principi attivi tossici che possono causare vomito e diarrea negli animali domestici.

Schlumbergera, significato

Trattandosi di piante molto forti e capaci di adattarsi alle diverse avversità, rappresentano solidità e rinascita.

Nel linguaggio dei fiori la Schlumbergera rappresenta un augurio di rinnovamento, verso momenti migliori e più gioiosi.

Curiosità

La Schlumbergera, in natura, sta diventando rara. In Brasile riesce addirittura a vivere anche nelle fessure delle rocce affacciate sull’Atlantico.

Nel 1858 fu il botanico francese Lemaire a scegliere il nome di questa pianta. In onore di un collega, Frederic Schlumberger, uno dei primi collezionisti di cactus.

Approfondimenti tematici

Ed infine, ecco alcune schede monografiche su piante e fiori:

  • Piante da appartamento, le migliori contro l’inquinamento domestico
  • Quali sono i fiori azzurri più belli? Ecco la nostra selezione
  • Piante profumate: consigli pratici ed indicazioni
  • Lillà: caratteristiche, consigli e cure di questa pianta fiorifera
  • Piante erbacee: varietà, elenco e classificazione
  • Tutto sul cisto, una pianta mediterranea che ricorda la rosa selvatica
  • Piante annuali: varietà, coltivazione e cure
  • Lobelia: un genere di piante molto amate per il loro potenziale decorativo
  • Pachira: aspetto e cura di questa pianta che possiamo coltivare nei nostri interni
  • Crinum: una pianta da fiore simile al giglio tutta da scoprire
  • Le diverse varietà di euphorbia, dalle più decorative a quelle più facili da coltivare
  • Come coltivare il Clerodendro, una pianta altamente decorativa
  • L’aconito è una pianta velenosa dai bellissimi fiori blu, usata in omeopatia per curare ipertensione e ansia grave
  • Fiore di loto: i consigli per la coltivazione e le altre cose da sapere
  • Coltivare la calla in casa o in giardino: ecco come ottenere magnifiche fioriture
  • Lantana: una pianta dal grande potenziale ornamentale
  • Alla scoperta della santolina: spesso utilizzata per decorare aiuole e siepi, è anche un ottimo rimedio fitoterapico
  • La Fritillaria, una pianta ornamentale dal design particolare e dagli splendidi fiori esotici
Outbrain
Share
Published by
Federica Ermete

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.