Notizie

L’UE lavora sulle regole per rottamare correttamente le navi con materiali tossici

La lotta per la difesa dell’ambiente approda sui tavoli dell’ Unione Europea con una nuova legge al vaglio degli esperti che riguarderà le navi cariche di sostanze tossiche che fanno scalo nei principali porti della Comunità. La proposta che sta prendendo forma consisterebbe in un’eco-tassa che verrebbe fatta corrispondere a tutte le navi ‘pericolose’,  per poi essere rimborsata agli armatori che provvederanno al corretto smaltimento dei carichi in appositi siti certificati.

L’UE lavora sulle regole per rottamare correttamente le navi con materiali tossici

La notizia arriva dopo le denunce dell’organizzazione Shipbreaking Platform riguardante le tante navi abbandonate  pericolosamente sulle coste asiatiche per le quali non è ancora scattato l’ordine di sequestro e rottamazione.

Solo nel 2012 sono 167 le navi abbandonate nel sud del continente asiatico dagli armatori greci, seguiti dai tedeschi (48), inglesi (30), norvegesi (23), ciprioti (13), bulgari (8), danesi (6) e olandesi (5).

I conseguenti provvedimenti da attuare per invertire la tendenza sono ora al vaglio del Parlamento Europeo che sta discutendo sulle possibili soluzioni:

  • predisporre una nuova normativa comunitaria per evitare che le compagnie europee cambino bandiera per abbassare i costi di smantellamento;
  • creare un fondo dedicato al riciclo del comparto navale con l’istituzione della eco-tassa per tutte le navi che attraccano nei porti europei, restituibile solo in caso di corretto smaltimento.

Dal 2011 il fenomeno dello stoccaggio illegale di navi e Dei loro pericolosi carichi ha registrato un incremento costante nonostante l’Europa abbia individuato da tempo modalità e siti idonei allo stoccaggio. Tuttavia, la maggior parte della compagnie trae vantaggio dalla demolizione impropria di queste imbarcazioni per abbassare i costi legati alla rottamazione delle navi con materiali tossici a bordo non più utilizzabili.

Leggi anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button