Un giovane inventore e la sua invenzione per ridurre i gas di scarico dei motori a benzina

di Jonas del 28 luglio 2012

Come sapete, un tema che ci sta da sempre a cuore è quello dei giovani inventori che si cimentano con le nuove tecnologie verdi: loro sono la vera speranza di un futuro più sostenibile, di una tecnologia che sia di reale aiuto per migliorare la qualità della vita nel rispetto dell’ambiente che ci circonda, per contribuire a creare una nuova economia che sappia costruire e non distruggere.

SPECIALE: leggi altre storie di giovani inventori e scienziati in erba!
Una ragazza inventa il frigo solare che forse aiuterà i paesi del terzo mondo
Bambina di 10 anni scopre molecola che immagazzina energia
Di una ragazza di 19 anni l’invenzione che potrebbe aumentare l’efficienza dei pannelli solari del 40%

La storia di oggi riguarda un ragazzo di 18 anni che vive in Texas, Param Jaggi, che lavora nel campo della tecnologia verde da quando era bambino.

Param, che è stato di recente incluso nella lista di Forbes “30 Under 30”, cioè una selezione di 30 giovani che potrebbero cambiare (in meglio) il nostro futuro, è un genuino appassionato dell’ambiente e della tecnologia: l’invenzione che sta perfezionando consiste in un sistema (ABES – Algae Based Emission System) basato sulle alghe che contribuisce a ridurre le emissioni nocive delle automobili (o potenzialmente di ogni altro motore, anche usato in industria) attraverso appunto il processo di fotosintesi delle alghe, un mixi di reazioni acide e basiche ed altri principi di neutralizzazione.

Ma non sono tanto i principi tecnologici che ci interessano oggi, quanto la storia che ha portato Param a contattarci.

Da buon imprenditore, infatti, Param ha capito che non può permettersi di sedersi sugli allori della visibilità che gli ha assicurato Forbes e sta infatti cercando visibilità, idee e finanziamenti per le sue idee.
E’ venuto a bussare anche alla nostra porta, con umiltà e spirito proposivito, con quell’apertura e quella freschezza che solo i giovanissimi hanno.

Tra l’altro, Param, come tanti altri giovani inventori, sta battendo anche la strada del crowdfunding, ossia del finanziamento collettivo, fatto in rete tramite piattaforme dedicate, una modalità di finanziamento che sta diventando sempre più importante per portare avanti l’innovazione, negli Stati Uniti specialmente.

E questo secondo noi è davvero paradigmatico: non basta avere buone idee, non basta neppure realizzarle, ma bisogna avere la forza e la costanza di proporle, spingerle e creare possibilità da zero. In questo senso, la rete è un grande alleato e Param l’ha capito.

Un esempio anche per i piccoli inventori Italiani? Crediamo di si!

Qui potete contribuire anche al finanziamento della idea, se vi piace: Indiegogo

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

{ 1 trackback }