Design

Una nuvola di luce con 6000 lampadine usate

La prima notte bianca di Calgary ha avuto una indiscussa protagonista: CLOUD, una nuvola bianca composta da 6mila lampadine a incandescenza legate a semplici stringhe a trazione metallica.

Una nuvola di luce con 6000 lampadine usate

E’ stata esposta inizialmente nella Olympic Plaza della città, nota ai più per avere ospitato le Olimpiadi invernali del 1988.

Rendering of template gallery-filmstrip.php failed

Gli intervenuti si sono divertiti a giocarci, camminando e ballandoci sotto. Si sono divertiti altresì a tirare le cordicine in metallo appese ad essa, che permettevano presumibilmente di accendere e spegnere alcune lampadine interne.

Questa suggestiva scultura è stata ideata da Caitlind rc Brown e dal suo collaboratore Wayne Garrett. Per la sua realizzazione hanno raccolto vecchie lampadine ormai in disuso da famiglie, musei, siti storici, arene e Stazioni Eco.

CLOUD è stata dunque un esperimento di collaborazione della comunità, per ri-immaginare al contempo il potenziale dei rifiuti; oltre che ovviamente essere una bella installazione artistica.

Il festival è durato solo una notte purtroppo, ma è bello sapere che CLOUD avrà una sede permanente presso lo Science Center a Calgary, Canada.

Guarda anche questo bel video di CLOUD:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close