Verde urbano: dopo 50 anni finalmente Mosca progetta un nuovo parco

di Alessia del 6 gennaio 2014

La città di Mosca ha indetto recentemente un concorso internazionale per affidare la realizzazione di un imponente parco vicino alla famosa Piazza Rossa. Si è trattato di un evento di grande risonanza nel mondo dell’architettura volto a rinnovare l’immagine di Mosca e della Russia nel mondo.

Verde urbano: dopo 50 anni finalmente Mosca progetta un nuovo parco

GUARDA LE FOTO

Guarda le foto

Pensate che l’ultimo parco urbano era stato progettato nel lontano 1957, in occasione del Festival della Gioventù e degli Studenti.

Uno studio di architetti newyorkesi, Diller Scofidio + Renfro, è riuscito ad aggiudicarsi il primo posto del concorso, catturando l’attenzione della giuria con il concept dell’urbanistica selvaggia: uomini e natura che condividono gli stessi spazi.

L’idea non è di certo nuova, ma sembra essere quasi un’utopia nelle odierne città dove il verde è confinato sempre ai margini, in spazi ben delimitati e circoscritti. Non è quanto accadrà nel parco moscovita, dove le piante verranno lasciate libere di crescere su uno spazio di 13 ettari.

Il parco Zaryadye verrà suddiviso in terrazze dove ritroveremo i quattro paesaggi tipici della Russia: la tundra, la steppa, la foresta e la palude. Attraverso un sistema innovativo, basato su regolazione della temperatura e del vento e illuminazione artificiale, verranno ricreati i diversi microclimi.

Il parco Zaryadye prende il nome dal quartiere raso a suolo sotto il regime di Stalin, un modo per rendere omaggio alla sofferta storia di questo popolo. La zona è un crocevia di luoghi diversi, da un lato la burocrazia e il turismo del Cremlino, dall’altro la zona commerciale e d’affari di Kitay-Gorod.

I lavori dovrebbero iniziare entro la fine del 2014. Il parco è stato pensato come una sorta di museo a cielo aperto, un luogo accogliente in cui ammirare le magnificenze dell’architettura russa passeggiando immersi nel verde.

Guarda le foto

Finalmente i cittadini moscoviti potranno riappropriarsi di un pezzo della loro storia riscoprendo anche un contatto primitivo con la natura.

Se ti interessa, leggi anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment