“Una centrale atomica in Sardegna? Dovreste essere contenti”

di Salvo del 19 settembre 2010

L’oncologo Umberto Veronesi a margine di un convegno ad Alghero ha dichiarato:

“Una centrale atomica in Sardegna? Dovreste essere contenti”

Umberto Veronesi è papabile per la presidenza della futura Agenzia per la sicurezza del nucleare su invito del premier Silvio Berlusconi che ha pensato ad una persona bipartizan e nuclearista convinto da sempre come Veronesi nonostante Veronesi stesso sia senatore eletto con il Partito Democratico.

La tesi di Veronesi è che le centrali nucleari a parte il terribile incidente di Chernobyl non provocano vittime e mai lo hanno fatto, mentre la metafora dell’aereo dove le vittime ci sono eccome vorrebbe che allora l’uomo per questo bloccasse il trasporto aereo.

Insomma potremmo riassumere così: energia nucleare, si grazie.

Il tutto avviene in un momento di grande fermento sul tema, in Germania la Merkel ha prorogato e di molto la chiusura del programma nucleare dato che al momento di sole energie rinnovabili non si vive..

Che ne pensate? Sappiamo che molti di voi saranno assolutamente contrari al ritorno al nucleare, altri a favore così come fra noi di Tuttogreen ma vi preghiamo di esprimere le vostre posizioni pro o contro sia sulla pagina Facebook che nei commenti in modo civile, rispettando le opinioni altrui.

Ecco l’intervista completa sul sito dell’Unione Sarda:  “Una centrale atomica in Sardegna? Dovreste essere contenti”

Articoli correlati al tema energia nucleare:

Outbrain

{ 1 comment… read it below or add one }

Marina settembre 19, 2010 alle 10:05 pm

Che livelli…Se voglio fare a meno di andare in aereo lo posso fare, se invece costruiscono una centrale atomica dove vivo e lavoro non posso fare a meno di emigrare.
Che le centrali nucleari non abbiano mai fatto vittime Chernobyl a parte (e basterebbe questo) è una barzelletta, a suo tempo ho letto uno studio sui livelli di tumoralità in zone con centrali atomiche che non lasciavano molto margine di interpretazione, se lo trovo lo linko.

Rispondi

Leave a Comment