Ecoturismo

Viaggiatori virtuosi: anche il turismo può dare una mano al clima

Secondo un rapporto dell’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO) il settore del turismo è responsabile di circa il 6% delle emissioni di gas a effetto serra nel mondo. A fare la parte del leone è il trasporto aereo che causa il 40% delle emissioni di CO2 legate al turismo. Seguono il trasporto automobilistico (32%) e l’alloggio (21%).

Viaggiatori virtuosi: anche il turismo può dare una mano al clima

I turisti devono essere incoraggiati a tener conto dell’ambiente nella scelta dei viaggi e a ridurre il loro impatto sul clima spostandosi verso un turismo responsabile.

Da qui al 2020 il numero dei viaggiatori dovrebbe raddoppiare e se non si provvederà rapidamente ad una riduzione delle emissioni, le temperature potrebbero salire presto di quattro gradi centigradi. Questo significherebbe, tra le altre cose, la fine del turismo e di conseguenza delle risorse economiche per molte regioni.

Caraibi, Mediterraneo, Sud-est asiatico, Oceano indiano e Pacifico dovranno fare i conti con cambiamenti nella disponibilità d’acqua, con la perdita di biodiversità, con un paesaggio e una produzione agricola alterati. Per non parlare dell’aumento del rischio di catastrofi naturali, dell’erosione delle zone costiere e dei danni alle infrastrutture.

Per ridurre le emissioni di CO2 è necessario, tra le altre cose, limitare i voli sulle lunghe distanze, anche se ciò  va contro gli interessi dei paesi in via di sviluppo e del settore dell’aviazione. Anche le agenzie possono influenzare le scelte dei loro clienti con delle offerte mirate. È possibile inoltre fare pressione sull’industria del turismo selezionando solo le compagnie aeree e gli alberghi che rispondono a determinati criteri di compatibilità ambientale.

Purtroppo le operazioni ecologiche nel settore turistico restano ancora un’eccezione. E anche se nel quotidiano i clienti s’impegnano per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, quando si tratta di scegliere le vacanze questa attitudine passa quasi sempre in secondo piano.
Ecco che la vera rivoluzione, invece, comincia da noi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close