Yogurt greco: proprietà e differenze rispetto allo yogurt tradizionale

di Valerio Guiggi del 13 maggio 2018

Lo yogurt greco è uno degli alimenti che hanno ottenuto un maggior successo in questi ultimi anni. Scopriamo quali sono le differenze e i benefici rispetto al classico yogurt.

Yogurt greco: proprietà e differenze rispetto allo yogurt tradizionale

Uno degli alimenti più conosciuti e consumati dalle persone, specialmente in questi ultimi anni dove ha avuto un vero e proprio boom, è lo yogurt greco. Si tratta a tutti gli effetti di uno yogurt…. Ma ha un sapore e una consistenza completamente diverse dallo yogurt tradizionale (che, come vedremo, è tutt’altro che tradizionale) che consumiamo di solito.

Per capire che cos’è lo yogurt greco abbiamo la necessità di capire, per prima cosa, che cosa sia lo yogurt. Scopriamolo e andiamo quindi a valutarne le differenze.

Lo yogurt tradizionale

Lo yogurt è un sottoprodotto della lavorazione del latte, latte che può essere di qualsiasi animale (capra, mucca e pecora) e anche di origine vegetale (come il latte di soia, di riso, di noci…) perché deriva essenzialmente dalla fermentazione degli zuccheri.

Infatti, se nel latte entrano alcuni batteri particolari, che industrialmente vengono inseriti di proposito, questi hanno una particolare attività detta fermentazione. Per prima cosa scindono lo zucchero principale del latte, il lattosio, nelle due unità di base che sono il glucosio e il galattosio, poi si “mangiano” quest’ultimo formando un acido, l’acido lattico.

Questo acidifica il prodotto, rendendo la vita impossibile ad altri batteri e facendo sì che il latte possa conservarsi più a lungo. Ed è per questo motivo che lo yogurt è molto più acido rispetto al latte di partenza.

Perché lo yogurt tradizionale non è quello del supermercato

Quello di cui scrivevamo sopra è lo yogurt tradizionale. Eppure lo yogurt a cui siamo abituati non è acido! Perché quello non è yogurt. Il marketing, negli anni ’80, ha fatto un così grande lavoro in Italia, facendo credere che quei barattolini ai vari gusti molto dolci che troviamo nei supermercati fossero yogurt.

Si tratta di uno yogurt con aggiunta di panna o zucchero per renderlo più appetibile, soprattutto ai bambini.

Quando vi capita, andate in un caseificio e chiedete dello yogurt, quello vero. Sentirete la differenza e capirete anche perché hanno voluto renderlo più buono, è difficile da essere apprezzato  dai nostri gusti attuali.

Ma almeno potrete dire di aver mangiato almeno una volta nella vita lo yogurt, non quello che viene spacciato per yogurt (ma che ha i fermenti quindi ai fini della legge può essere chiamato yogurt).

Yogurt greco: proprietà e differenze rispetto allo yogurt classico

Yogurt greco: proprietà e differenze rispetto allo yogurt classico

Lo yogurt greco

Ma in questo articolo parliamo di yogurt greco, che in realtà non è greco, ma bulgaro. Chiaramente se lo avessero chiamato yogurt bulgaro non avrebbe avuto il suo appeal commerciale. Tra l’altro viene prodotto soprattutto negli Stati Uniti. Quante verità ci vengono rivelate, vero?

In realtà, se avete modo di assaggiare lo yogurt tradizionale (quello vero) e lo yogurt greco, scoprirete che a livello di gusto la differenza non è tantissima. Lo sentite diverso, per prima cosa, perché quello che pensate sia yogurt tradizionale non lo è, come abbiamo apena visto.

La differenza tra la produzione dello yogurt tradizionale e lo yogurt greco è infatti minima. Si parte dallo stesso latte, con gli stessi fermenti, ma un certo punto si arriva al filtraggio dello yogurt, perché, come il formaggio, la parte liquida è separata da quella solida.

Le tre filtrazioni: il marchio distintivo dello yogurt greco

Nello yogurt tradizionale le operazioni di filtrazione sono due, mentre nello yogurt greco sono tre. Potrebbe sembrare una differenza di poco conto, ma la terza filtrazione è lentissima, perché più si va avanti e più è difficile estrarre il liquido, e questo porta ad una serie di differenze.

Essenzialmente nel liquido che viene filtrato e buttato vi è contenuto quasi tutto il sodio (quindi lo yogurt greco è adatto a chi segue diete iposodiche) e il lattosio che i batteri non hanno fermentato (il che rende lo yogurt greco adatto anche agli intolleranti). Nella massa, di conseguenza, rimane un quantitativo maggiore di proteine, per cui è più nutriente e più grasso di quello tradizionale.

Và però ricordato che un processo di raffinazione industriale in più ha permesso di creare un ‘mostro’, lo yogurt greco light, con solo il 3% di grassi!

Rispetto allo yogurt tradizionale, e non a quello superdolcificato a cui siamo abituati, lo yogurt greco ha un contenuto in zucchero più basso e chiaramente è anche meno dolce, per lo stesso motivo.

Differenze tra yogurt greco e yogurt tradizionale

Quali sono i benefici della salute dello yogurt greco? E’ più indicato per il maggior quantitativo di nutrienti, proteine e per la minor presenza di zuccheri e per una percentuale di sodio minore rispetto allo yogurt tradizionale.

I benefici quindi non sono tantissimi, ma stiamo parlando a tutti gli effetti di due prodotti molto simili.

La differenza è invece maggiore in cucina, dove i sapori sono diversi per cui lo yogurt greco si può impiegare anche nella cucina soprattutto salata, laddove impiegare quello tradizionale dolce è molto più difficile, per cui si tende a consumarlo tal quale o al massimo come ingrediente nei dolci.

Una domanda finale

Però, valutiamo un attimo, prima di lasciarci, l’assurdo della situazione.

Se siete entrati a leggere questo articolo state cercando di capire la differenza tra uno yogurt tradizionale che non avete mai assaggiato in vita vostra e uno yogurt detto greco ideato in Bulgaria e prodotto in America: passi la globalizzazione, ci mancherebbe, ma solo io penso che ci sia qualcosa di profondamente sbagliato in tutto questo?

Ti consigliamo anche altri piatti tipici della Grecia:

{ 8 comments… read them below or add one }

Marilisa agosto 19, 2018 alle 8:38 am

Sicuro che le informazioni fornite siano corrette? Ho qui davanti a me il barattolo marca LYTTOS commercializzato da ALDI e leggo che viene ptodotto dalla Mevgal. Da una semplice ricerca su Wikipedia scopro che è impresa greca che produce da latte greco. Se cosi non fosse avrei già fatto una segnalazione al Garante antitrust competente in materia di pubblicità ingannevole. Attenzione alla disinformazione: si perde in credibilità.

Rispondi

Edoardo agosto 20, 2018 alle 11:38 am

Quale disinformazione? Certamente ci sono tante imprese greche che in stabilimenti greci producono lo yogurt greco, ma nell’articolo si parla delle origini del prodotto e del perché alla fine sia stato commercializzato ovunque, non solo in Italia, ma anche negli Stati Uniti col nome di yogurt greco.

Rispondi

Emanuele Ghini agosto 10, 2018 alle 10:40 am

Che il ‘nostro’ bacillo faccia ‘bulgaricus’ come sottospecie dipende solo dal fatto che fu scoperto e descritto da un medico bulgaro. Non significa in nessun modo che è proprio solo della Bulgaria. Anzi è molto probabile che in Grecia producessero yogurt prima ancora di capire qual era l’elemento che causava la trasformazione (fermentazione) del latte in yogurt.

Rispondi

Francesca giugno 30, 2018 alle 10:14 am

Da sempre compro lo yogurt greco, da quando lo assaggiai la prima volta 40 anni fa. Prima era quasi impossibile da trovare, poi hanno cominciato ad importarne negli alimentari più fighi e infine se ne trovavano varie marche in tutti i supermercati. Ultimamente però sono “scomparsi” gli yogurt importati e sono disponibili solo yogurt “ALLA GRECA” di marche varie , dalla iper pubblicizzate Fage, Müller , Vitasnella, fino a quelli della Coop e Esselunga!
Quello greco, scritto in greco, SPARITO!
probabilmente hanno arraffato il business eliminando il concorrente alla radice!
Sono disperata

Rispondi

Anna giugno 13, 2018 alle 3:04 pm

Chiedo scusa, ma in che supermercato sei andato? E’ vero che esistono yogurt in tantissime varietà zuccherate etc., ma OVUNQUE in Italia si trova lo yogurt bianco intero, che pur essendo prodotto con metodi industriali è in tutto e per tutto simile a quello fatto in casa, e che negli ingredienti contiene unicamente latte e fermenti lattici, quindi di che stiamo parlando? Lo yogurt greco è semplicemente yogurt normale colato, e si mangia in molti paesi dell’est Europa, MA è super tradizionale in Grecia, quindi non ci vedo nulla di ingannevole nel chiamarlo yogurt greco. In più l’azienda che produce lo yogurt greco più famoso per la distribuzione in Europa utilizza due stabilimenti in Grecia, (ha uno stabilimento pure negli Usa, con cui serve il mercato Usa) quindi di che stiamo parlando?.. in generale non capisco proprio il tono polemico di questo articolo.

Rispondi

Antonio giugno 14, 2018 alle 9:47 am

Ciao Anna, mi sa che non state parlando della stessa cosa. Lo yogurt bianco intero che trovi al supermercato ha spesso zuccheri o preparazioni dolciarie aggiunte, correttori di acidità, per addolcirne il sapore ed è un prodotto industriale diverso da quello originario.
Anche circa l’origine più bulgara che greca l’autore ha ragione e non credo ci sia alcuna polemica dietro il fatto di dire che Yogurt greco è più vendibile di Yogurt bulgaro, soprattutto nel mercato americano… è così e non c’è nulla di polemico. Pensa che uno degli ingredienti dello Yogurt greco intero che trovi al supermercato si chiama… Lactobacillus bulgaricus 😉

Rispondi

Adriano giugno 20, 2017 alle 12:54 am

Concordo con Giorgia. Io lo adoro naturale…acido.

Rispondi

Giorgia aprile 14, 2016 alle 6:09 pm

Non so in quale caseificio sia capitato lei, per ritenere immangiabile lo yogurt tradizionale.. Io lo adoro proprio per la sua acidità! Lo faccio in casa ed è ottimo sia al naturale, sua zuccherato!

Rispondi

Cancel reply

Leave a Comment