Sughero per i piccoli elettrodomestici da riciclo

di Claudio Riccardi del 12 maggio 2013

Dalla Francia ecco un modello di business green e virtuoso.

Ci riferiamo alla linea di elettrodomestici Short Circuit, ovvero il risultato finale dell’idea concepita dal designer Gaspar Tinè-Berès.

Caffettiera,  tostapane, bollitori di varie dimensioni, realizzati attraverso il montaggio di vecchie parti elettroniche, gettate in abbondanza nelle discariche, con involucri in sughero naturale, un materiale noto per le sue proprietà impermeabili, antibatteriche e isolanti.

SPECIALE: Sughero in architettura, tutti i segreti di un materiale eco-sostenibile

Apparecchi dunque eco-sostenibili, ma anche economici, dal momento che il riciclo di componenti elettriche già assemblate ha permesso di abbattere drasticamente i costi di produzione: un concetto, questo, molto importante e che differenzia sostanzialmente il progetto da tanti altri ecochic, che di sostenibile magari hanno poco.

Rimettendo in “circolo” quelli che erano divenuti rifiuti elettronici, con la linea Short Circuit si risolve in parte l’annoso problema legato all’impatto ambientale di schede e circuiti, purtroppo al momento non smaltibili.

Ma ora vediamo anche  un bel video di questo concetto, che ci piace assai: