HomeStove e CampStove: la stufetta che trasforma i rifiuti in energia

di Vincenzo Minervini del 11 aprile 2012

Si stima che circa 3 miliardi di persone nel mondo cucinino su fuochi cosiddetti aperti, pericolosissimi per le loro esalazioni. Per avere un dispositivo più sicuro ma anche efficace, Biolite ha sviluppato un fornello che utilizza legno e altri materiali naturali come combustibili, facendo a meno di qualsiasi altra fonte energetica soprattutto inquinante e abbattendo le emissioni tossiche della combustione del 90%.

I due prototipi di fornello realizzati sono l’HomeStove, destinato ad un uso domestico, ed il CampStove per un uso all’esterno in situazioni, il nome lo suggerisce, come i campeggi.

Oltre a bandire qualsiasi ulteriore combustibile classico e inquinante, l’altra caratteristica dei “fornelli” progettati da Biolite è quella di sfruttare l’energia prodotta dalla combustione per caricare ed alimentare dispositivi elettronici di diversa natura.

SPECIALE: 4 eco-gadget per avere la vita più green

Queste soluzioni sono interessanti soprattutto per situazioni di emergenza e per gli sfollati in zone di difficile accesso. Il fornello da campo offre la possibilità di poter avere una fonte energetica autonoma e pulita nel bel mezzo della natura bruciando legnetti, foglie ed altri scarti naturali che è possibile trovare in quel posto.

E il costo? Nel momento in cui scriviamo, Campstove – che è probabilmente il prodotto che più interessa ai nostri lettori amanti della vita all’aria aperta – può essere ordinata a 129 dollari.
Per ordinarla:

Preparatevi dunque, allo stesso tempo, a godervi un bel focherello ed a ricaricare il vostro cellulare, nella natura più pura senza farle nessuno sgarbo.

Guardiamo anche un bel video:


Se ti interessano oggetti prodotti eco-tech utili, allora vai a questi articoli:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment