Riciclo creativo

Riciclare le bottiglie di plastica: ne bastano 4.000 per fare una casa!

Spesso eco-sostenibilità e scopi sociali possono far sorgere progetti molto utili e interessanti, come quello degli imprenditori Prashant Lingam e la moglie Aruna Kappagantula, fondatori della Bamboo House of India. Cosa hanno fatto? Stanno sostituendo i mattoni classici con bottiglie di plastica riciclata, mischiandole con il fango.

Riciclare le bottiglie di plastica: ne bastano 4.000 per fare una casa!

In India il deficit di case è giunto a 148mila unità abitative e loro sperano di abbassare questa cifra.

E IN AFRICA: Muri con bottiglie di plastica? Più solidi di quanto si credesse

Le bottiglie piene di fango vengono collocate sia verticalmente che orizzontalmente. Offrono altresì isolamento termico. L’intonaco viene fatto con fango e sterco di vacca, mentre il tetto viene realizzato con bambù attaccati a bastoni di legno. Il cemento viene utilizzato in minima parte e la loro durata prevista è di circa 30 anni.

SPECIALE: Agartala, la prima città solare in India

La ciliegina sulla torta di questo progetto è che è… economico. Una casa fatta in questo modo costa infatti un quarto di una tradizionale. Si stima che una casa di 200-400 mq costa meno di 50mila dollari. Dunque un piccolo monolocale di 40 mq ha costi davvero esigui.

Ad oggi l’impresa dei coniugi Lingam ha già utilizzato circa 4.000 bottiglie per costruire le abitazioni. Contribuendo alla piaga della scarsità delle case in India e al riciclo di oggetti molto inquinanti quali sono le bottiglie di plastica.

Forse ti potrebbe interessare anche:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close