Acqua dall’umidità dell’aria, una bottiglia si riempie da sola

di Chiara Greco del 7 dicembre 2012

Che l’acqua sia una delle più preziose risorse del pianeta è un fatto ma lo è anche che un numero impressionante di persone nel mondo non riesca a soddisfare le proprie esigenze di sostentamento idrico.

I tentativi concreti per fare accedere sempre di più all’acqua, si moltiplicano ma la soluzione è ancora lontana. In questo senso, un’idea, che parte da un’azienda statunitense nel settore delle nanotecnologie, potrebbe suggerire una nuova strada da percorrere per far fronte all’emergenza idrica.

VAI A: Allarme FAO per acqua sempre più scarsa, ripiegheremo su alghe e insetti

L’idea è NBD Nano, una bottiglia che si riempie di acqua da sola. Detta così potrebbe sembrare solo una trovata, eppure l’azienda avrebbe deciso di brevettarla sulla base dalle scoperte scientifiche di un gruppo di ricercatori.

Prendendo ad esempio un particolare insetto, il coleottero delle nebbie o stenocara, tipico del deserto della Namibia, avrebbero trovato la possibilità di estrarre l’acqua direttamente dall’aria, trasferendo questa funzionalità ad una semplice bottiglia per l’acqua.

LO SAPEVI CHE Cos’è il Water Footprint?

Come il coleottero, che trasforma l’umidità accumulata sulla corazza in gocce di acqua per il suo sostentamento idrico, la bottiglia green, costituita di materiali idrofili e batterie solari per la ricarica energetica, trarrebbe il vapor acqueo direttamente dall’atmosfera, traformandolo poi in preziosa acqua da bere,opportunamente filtrata.

Accumulando 3 litri di acqua per metro quadro all’ora, la magica bottiglia potrebbe avere infinite applicazioni: non solo per soddisfare le quotidiane esigenze di chi all’acqua non ha accesso diretto ma anche chi è in viaggio o fuori casa.

Fantascienza? Pare di no, visto che secondo il co-fondatore della NBD Nano, Deckard Sorensen, entro il 2014 la bottiglietta che si riempie d’acqua in autonomia potrebbe essere messa sul mercato, fornendo una piccola soluzione efficiente ad uno dei problemi più complessi dei nostri tempi, quello dell’approvvigionamento idrico.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *