Tutte le soluzioni per combattere l’umidità in casa, dalla misurazione ai rimedi naturali

di Eryeffe del 22 maggio 2018

Speciale umidità in casa: chi di voi non ha mai dovuto combattere contro l’umidità eccessiva nella propria abitazione alzi la mano!

Tutte le soluzioni per combattere l’umidità in casa, dalla misurazione ai rimedi naturali

Un problema davvero fastidioso, antiestetico e dannoso per le superfici verticali delle abitazioni ma anche per la salute. La presenza di umidità sui muri è inoltre  la condizione ideale per la formazione della muffa.

Per prevenire e risolvere il problema dell’umidità eccessiva esistono diversi rimedi naturali che consentono di ottenere il risultato sperato senza grosse difficoltà.

Perché il rimedio sia efficace, però, è necessario capire prima quali siano le reali cause dell’umidità in casa e adottare alcuni accorgimenti preventivi.

Vediamo quindi i migliori rimedi naturali per individuare le cause, prevenire e gestire questo fenomeno ma anche come misurarlo per prima cosa.

Umidità ideale in casa

Una casa deve comunque mantenere un certo livello di umidità per il comfort e la salute dei suoi occupanti, ma occorre fare in modo che non sia troppo elevata.

Un tasso di umidità nella vostra casa che superi il  60-70%, diventa pericoloso per la vostra salute, ma anche per la vostra casa stessa. L’umidità infatti si attacca alle pareti e causa muffa e può portarvi alla lunga anche infezioni respiratorie.

Viceversa se l’aria è troppo secca, avvertirete una secchezza delle mucose, e potrete anche essere avvertire elettricità statica.

Come misurare il tasso di umidità in casa?

E’ importante quindi controllare il livello di umidità nella vostra camera da letto e in altre stanze della casa per bilanciare la qualità dell’aria, se necessario.

Per misurarla, tutto ciò che vi serve è un dispositivo chiamato igrometro o sensore di umidità.

E’ di dimensioni contenute ed è possibile spostarlo all’interno della casa per misurare l’umidità in ambienti diversi. La misurazione può essere alterata dalle attività che si svolgono in casa. Ad esempio il respiro degli animali e delle persone, fare la doccia o fare il bucato può causare variazioni dei livelli di umidità.

Dovete quindi collocare l’igrometro in un luogo in cui non possa essere falsamente influenzato ad esempio dal riscaldamento, da un camino o da un’apertura verso l’esterno.

In rete trovate molte offerte:

Le cause dell’umidità eccessiva

Le cause che generano l’accumulo di umidità in casa sono molteplici, vediamo le principali.

Possono essere ricondotte ad esempio a:

  • una cattiva coibentazione dei muri esterni che vengono a contatto col terreno (umidità di risalita),
  • a condizioni atmosferiche particolari
  • alla mancata adozione di alcune buone pratiche domestiche come la mancanza di ventilazione.

SCOPRI ANCHE: scoprite qui i nostri consigli su come farsi un antimuffa naturale.

Come prevenire l’umidità in casa

Per mantenere un livello di umidità sano nella vostra casa, ci sono diverse regole da seguire ogni giorno così come diversi controlli da eseguire regolarmente.

Per prevenire la formazione di umidità, specialmente in alcuni luoghi della casa come il bagno e la cucina, è necessario evitare il ristagno di condensa e favorire una perfetta ventilazione degli ambienti.

A differenza dell’umidità, la condensa consiste in tutte quelle goccioline che vediamo formarsi sulle piastrelle del bagno o della cucina quando una corrente di aria calda incontra una superficie più fredda.

Ma se la condensa tende ad asciugare e a non lasciar traccia, l’umidità bagna i muri e si espande nel tempo.

In entrambi i casi, sarà opportuno osservare alcune regole:

  • Arieggiare la casa ogni mattina per almeno 10 minuti
  • Evitare il ristagno dell’acqua nei sottovasi delle piante da interno
  • Utilizzare la cappa aspirante durante la cottura dei cibi
  • Installare una ventola in bagno
  • Posizionare dei deumidificatori negli ambienti più esposti al rischio ‘umidità’
  • Non far asciugare troppo bucato in casa, soprattutto di notte quando difficilmente terremo le finestre aperte

Vediamole in dettaglio.

combattere l'umidità in casa

L’importanza della ventilazione contro l’umidità

La regola d’oro numero uno nella lotta contro l’umidità è la ventilazione. E ‘molto importante arieggiare le camere in casa per 5 a 10 minuti al giorno. Non solo rinnoverete l’aria, ma consentirete anche la fuoriuscita dell’umidità in eccesso.

La maggior parte dell’umidità è presente in cucina e in bagno. In queste stanze è quindi necessario raddoppiare gli sforzi e arieggiare subito dopo aver fatto il bagno o la doccia, o dopo aver cucinato.

Idealmente, è meglio iniziare ad arieggiare queste stanze non appena le si utilizza. La cosa migliore è utilizzare un sistema di ventilazione in bagno e utilizzare sempre la cappa quando si cucina qualcosa.

Consiglio:  vi consiglio di leggere quest’approfondimento, le regole per un ricambio d’aria perfetto.

Asciugate il bucato nel posto giusto

La biancheria appena lavata è anche una grande fonte di umidità: quando si asciuga, l’acqua che contiene evapora e si deposita sulle pareti circostanti. È quindi sempre preferibile asciugarlo all’esterno o in un luogo molto ventilato.

Non ostruire le bocchette di aerazione

Oggi, le case che costruiamo sono sempre più isolate, per evitare che il calore fuoriesca verso l’esterno. Tuttavia, anche se è importante avere una casa ben isolata, non è necessario esagerare: troppo isolamento sarà una fonte di umidità in casa!

In alcune case moderne ci sono delle prese d’aria il cui ruolo è proprio quello di combattere questo problema. Non dovete ostruirle con nulla che possa impedire il passaggio dell’aria.

Allo stesso modo, se si dispone di un sistema di ventilazione elettrico, non dovete spegnerlo. Lasciate che faccia invece il suo lavoro.

Controllate che la casa non presenti perdite

Detto questo, è ovviamente importante avere una casa ben sigillata. Controllate regolarmente la vostra casa per verificare che non ci siano crepe nelle pareti e che il tetto e le finestre siano completamente sigillati. All’interno della vostra casa, controllare anche le giunzioni dei lavandini, della doccia o della vasca da bagno.

  • Se si nota una perdita dovete sostituire rapidamente le guarnizioni.
  • Se si nota un’infiltrazione d’acqua nelle pareti, è preferibile rivolgersi a un professionista per determinare la causa esatta e la procedura da seguire.
  • Evitate di ricoprire il muro con un prodotto impermeabile o qualsiasi altra cosa che nasconda solo il problema dell’umidità in casa: se non eliminate il problema alla radice, a lungo andare, il muro sarà ancora più degradato.

Inoltre, se le vostre finestre sono a vetro singolo, la loro sostituzione con infissi a doppi vetri contribuirà notevolmente a combattere l’umidità e la condensa.

Monitorate l’umidità di risalita

I segni dell’umidità di risalita sono quelle tracce che si trovano alla base dei muri: provengono dal terreno e risalgono sul muro. Le cause di questo fenomeno sono molteplici, tra cui la natura del terreno su cui si trova la casa o l’insufficiente drenaggio dell’acqua piovana.

E’ un problema che deve essere preso molto sul serio perché danneggia i muri della casa. Se ne notate uno nella vostra casa, è necessario contattare un professionista. Ecco anche il nostro approfondimento dedicato proprio all’umidità sui muri.

Rimedi naturali per assorbire l’umidità in casa

Se, nonostante tutto, il livello di umidità in casa fosse ancora troppo alto, è il momento di ricorrere a qualche consiglio per  assorbire l’umidità in eccesso con dei rimedi naturali. Eccovi alcuni consigli da seguire.

Come realizzare un deumidificatore naturale

Un metodo molto semplice per realizzare un deumidificatore naturale consiste nel riempire un recipiente o una bottiglia di plastica tagliata a metà con del sale grosso.

Per deumidificare una stanza di 25 mq occorrono all’incirca 150 grammi di sale, precedentemente raffreddato in frigorifero per almeno 10 ore.

Una volta posizionato nell’ambiente che volete deumidificare, il sale comincerà a bagnarsi e dopo 3-4 giorni dovrete farlo asciugare in forno a 50 per 15 minuti.

In questo modo, sarà riutilizzabile per 4-5 volte senza ulteriori sprechi.

L’alternativa è posizionare il sale grosso in un sacchetto di tela o canapa naturale traspirante e posizionarlo su una piccola grata o un coperchio bucherellato (oppure un vecchio scolapasta) che metteremo a copertura di una vaschetta (dove colerà l’acqua assorbita dal sale).

La calce viva

Un altro rimedio economico ed efficace per assorbire l’umidità atmosferica presente in casa è la calce viva da maneggiare e utilizzare con estrema cura evitando il contatto con la cute e gli occhi. Riponetene una quantità sufficiente in un barattolo o una vaschetta e coprite con un coperchio forato: l’effetto assorbente è simile a quello del gesso.

Le piante da appartamento

Esistono poi diverse piante da appartamento (soprattutto tropicali) perfette per abbassare la quantità di umidità in eccesso presente in casa e migliorare la qualità dell’aria.

Nella nostra guida alle piante disinquinanti da casa troverete una selezione di quelle più efficaci.

Rimedi naturali per combattere l'umidità

La gomma Arabica

Potete utilizzare della gomma arabica profumata e metttela nelle camere, ma anche nei vostri armadi, se necessario.

Oltre a deumidificare la casa, lascerà un piacevole profumo. La trovate in vendita anche su Amazon.

E se l’umidità ha già generato delle muffe…

Questo è un bel problema, le muffe sono pericolose per le spore che tendono a rilasciare oltre che antiestetiche.

Prima di passare ai metodi chimici più drastici potremmo provare alcuni metodi ‘fai-da-te’ altrettanto efficaci.

Uno di questi consiste nel preparare una soluzione a base di succo di limone e sale. Le quantità sono:

  • 0,5o l di succo di limone
  • 1 cucchiaino di sale

Preparazione.

Strofinare sui tessuti, tendaggi e abiti sui quali si è depositata la muffa.

Ottima anche per pulire e sanificare il box della doccia, questa soluzione può essere versata in un recipiente pulito provvisto di spruzzino e lasciata agire sulle piastrelle per qualche minuto prima di rimuoverla con un panno asciutto.

In maniera analoga è possibile preparare un mix di aceto e acqua demineralizzata (30% aceto, 70% acqua) da applicare direttamente sulla parete da trattare.

In questo caso lasciate agire per 10-15 minuti prima di risciacquare.

LEGGI ANCHE:  Pulizie in casa: si può fare quasi tutto con aceto e bicarbonato

Per la muffa più ostinata e radicata, infine, il miglior rimedio naturale è  il bicarbonato.

  • Sciogliete 2 cucchiai di bicarbonato di sodio in 700 ml di acqua e unitevi 2 cucchiai di sale fino.
  • Versate la soluzione in un contenitore da un litro con spruzzino e aggiungete 2 cucchiai di acqua ossigenata a 30-40 volumi.
  • Agitate bene e spruzzate sulla superficie da trattare aiutandovi con una spazzola a setole dure o uno spazzolino.

Vi consigliamo di leggere anche il nostro speciale per realizzare un antimuffa naturale.

Altri consigli per migliorare la qualità dell’aria in casa

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

{ 2 comments… read them below or add one }

elvio giugno 5, 2014 alle 3:19 pm

Esiste oggi un prodotto di alto pregio per risolvere questo tipo di problematiche, si chiama igrodry ed è efficace, sicuro, atossico, ed inodore. Si applica a pennello con estrema facilità e risana definitivamente ogni tipo di problema, dalla risalita umida alle muffe. Cercatelo sui motori e sfogliate il loro sito troverete tutte le risposte ai vostri problemi… Io ve l’ho detto poi vedete voi in fondo abitare su una casa con problemi di umidità non piace a nessuno, nemmeno spendere una fortuna o portare una impresa edile con rumori, polveri e disagi.

Rispondi

omero novembre 18, 2014 alle 6:33 pm

idrogry secondo me è una grossa bufala.

Rispondi

Leave a Comment