Pulizia della casa

Scopriamo i 4 prodotti biologici per la casa per fare tutte le pulizie

Bicarbonato, aceto, acido citrico e... acqua calda!

Scoprite quali sono i prodotti biologici per la casa che vi permetteranno di fare praticamente tutte le pulizie. Vediamo che effetto hanno, come utilizzarli e alcune ricette fai-da-te per detersivi ecologici e naturali efficaci.

Scopriamo i 4 prodotti biologici per la casa per fare tutte le pulizie

Quali sono i prodotti biologici per la casa

Meglio utilizzare pochi ingredienti naturali per una pulizia ecologica della casa così non si danneggia l’ambiente e la salute. E se non volete fare da soli detersivi e detergenti, potrete comunque acquistare prodotti sicuri, senza garantiti dalle certificazioni più comuni.

Li si riconosce cercando sulla confezione il simbolo Ecolabel (una margherita con il cerchio dell’Unione Europea), che garantisce standard ecologici molto alti rispetto a quelli dei normali detersivi tradizionali. Il simbolo Ecolabel Europeo contraddistingue i prodotti a minor impatto ambientale, che sono reperibili nei supermercati.

Attualmente nei supermercati sono disponibili prodotti biodegradabili e che rispettano il PH della pelle, contenenti tensioattivi non ionici.

Se si vuole essere sicuri di quello che si acquista, si può cercare d’interpretare l’etichetta dietro al flacone. I tensioattivi non ionici sono suddivisi in due classi: eteri ed esteri.

prodotti biologici per la casa

Fra questi troviamo:

  • alcoli etossilati e alchil-glucosidi (i più diffusi sono il coco glucoside e il lauryl glucoside), che presentano alta tollerabilità cutanea ed oculare, riducono l’irritabilità di altri tensidi e sono totalmente biodegradabili
  • derivati del sorbitolo (spesso viene impiegato il Polisorbate 20) sono utilizzati in shampoo delicati e per bambini;
  • tensioattivi esteri da glicoli o da glicerolo, che hanno proprietà emollienti, emulsionanti e solubilizzanti
  • alcanolammidi, che sono spesso presenti nei detergenti per la casa con le sigle MEA o Monoetanololammina e DEA o Dietanolammina
  • esteri del saccarosio, che producono molta schiuma e hanno un’elevata biodegradabilità ed esteri di acidi grassi, impiegati come blandi detergenti e viscosizzanti (ad esempio il PEG 150 distearate).

Comunque le alternative eco-sostenibili esistono, e se siete ormai convinti che bisogna recuperare le vecchie tradizioni, seguiteci in questa guida, che vi illustrerà come pulire la vostra casa ricorrendo solo a pochi prodotti-base del tutto naturali, che variamente combinati vi daranno detersivi per ogni esigenza.

I vantaggi dei prodotti biologici per la casa

Avrete sicuramente notato quanto l’acquisto dei detersivi necessari alle pulizie di casa incidano sulla spesa, oltre che essere dannosi per l’ambiente. Soffermatevi un attimo a pensare alle conseguenze che l’utilizzo di questi prodotti hanno sulla vostra salute e su quella dell’ambiente che vi circonda!

Secondo numerosi studi europei e altri condotti negli USA l’impatto ambientale dell’inquinamento domestico è di una pericolosità allarmante. I rifiuti tossici dei detersivi chimici aggressivi che usiamo in casa quali spray, deodoranti, anti-calcare, sbiancanti, candeggine contaminano la terra, l’acqua e il cielo minacciando l’ecosistema globale.

prodotti biologici per la casa

Non dimenticate che la pelle assorbe facilmente le sostanze con cui entra in contatto, quindi i componenti chimici dei prodotti per l’igiene domestica possono alterare il sistema immunitario, causando sensibilizzazioni, allergie, intolleranza e a volte patologie più gravi come asma e neoplasie.

I prodotti indispensabili per la pulizia ecologica di casa

Ricordiamo che è necessario eliminare i prodotti superflui! Non abbiamo bisogno di 100 diversi prodotti per le pulizie domestiche.

Inoltre, per tenere pulita una casa, basta utilizzare prodotti di uso comune: bicarbonato, aceto, acido citrico e… acqua calda! Bastano solo questi quattro per risolvere praticamente ogni esigenza di pulizia.

  • Bicarbonato. L’ingrediente base fondamentale, ha un’azione debolmente detergente e soprattutto deodorante. Lo si può usare diluito con in acqua per pulire pentole, griglie del forno e teglie incrostate o fare una pasta abrasiva con alcune gocce d’acqua per rimuovere dai rubinetti le incrostazioni. Può essere utilizzato da solo per sbiancare i capi bianchi, oppure spolverato come smacchiatore direttamente su tessuti e tappeti. Come deodorante, basta inserire una ciotola in frigo o lasciarla in una stanza in cui si è cucinato o c’è cattivo odore per alcune ore. Una pasta di bicarbonato e acqua può essere usata per sbiancare i denti. Attenzione a non mescolarlo con l’aceto o altri acidi, essendo alcalino, farebbe una reazione piuttosto corrosiva, che è utile solo in caso di tubature intasate: allora diluite 1 l di acqua bollente a 250 ml di aceto bianco e versate nello scarico, si formerà una schiuma bianca.
  • Aceto. Ottimo anticalcare, buon detergente e debole igienizzante. Può sciogliere molecole molto diverse fra loro e per questo è considerato un ottimo detergente. Bisogna però fare attenzione: non usare l’aceto su alcune superfici come le pietre calcaree (pavimenti e top in marmo, travertino e altri materiali lapidei) e sui parquet oliati. Altra avvertenza, non bisogna mescolarlo con sostanze alcaline come il bicarbonato e i detersivi per lavatrice e lavastoviglie, candeggina. Si può invece usare per i piatti a mano. Mescolato al sale da cucina fa brillare come nuove le pentole. È consigliabile usarlo assieme ad altri ingredienti perchè da solo è irritante. Può essere impiegato per rendere brillanti i lavandini e la rubinetteria di acciaio della cucina. Per esempio potete utilizzare un composto formato da 120 ml d’acqua, 120 ml di alcool denaturato e 1 cucchiaio di aceto. Farà lo stesso effetto una crema fai-da-te formata da acqua ossigenata  e dentifricio.
  • Acido citrico. Presente in modo naturale nel succo di limone, è un acido più debole dell’aceto, quindi bisogna usarne di più. Da solo sostituisce 4 prodotti per la casa: il disincrostante, l’anticalcare, il brillantante e l’ammorbidente. E in più disgorga le tubature! Si può acquistare anche l’acido citrico in polvere e lo si usa diluendolo in acqua. Per preparare un buon anticalcare spray si può sciogliere 150 gr di acido citrico anidro in 750 ml d’acqua. Sarebbe meglio usare acqua distillata, che essendo priva di calcare, dà una migliore resa. Lo trovate in diverse versioni: ànidro, cioè puro, monoidrato, ovvero diluito con acqua al 90%, e tetraidrato, perché al 60% diluito con acqua. Ha bisogno di tempo per agire, ma è un ottimo anticalcare per tutti i metalli e il vetro (della doccia ad esempio) e non è tossico. Non va usato sul marmo o altre pietre calcaree, ottone e rame.
  • Acqua calda. Potenzia l’azione di qualunque detersivo e già da sola è un ottimo detergente. Per pulire i pavimenti la si può utilizzare da sola, oppure con 1 bicchiere di aceto diluito in 5 l d’acqua.

Altri prodotti per le pulizie di casa

Poi potete aggiungere altri ingredienti per completare l’opera. Eccone qui alcuni, da utilizzare nelle ricette fai-da-te e anche degli utili strumenti come la spugna e i panni in microfibra per passare i detergenti in maniera più efficace:

  • Acqua ossigenata. Ha un forte potere disinfettante, per questo è usata in caso di ferite, ma è perfetta anche per fare un detergente da usare sui sanitari, vetri e piastrelle. Dovete usare quella a 130 volumi (36%), che è la più concentrata, quindi usate sempre i guanti. Non è adatta su metallo, marmo e altre pietre naturali o ricomposte. Va miscelata in contenitori di plastica. Per fare un detergente che igienizza tutte le superfici del bagno, anti-muffa ed al contempo toglie il calcare, potete miscelare 20 ml di detersivo neutro per piatti (il tensioattivo) con 15 gr di acido citrico anidro in polvere e 100 ml dell’acqua ossigenata a 130 volumi. Versate in un contenitore da 500 ml che riempirete d’acqua fino all’orlo.
Acqua Ossigenata 36 volumi 100ml
Prezzi aggiornati il 27-11-2022 alle 10:18 AM.
  • Carbonato di sodio o soda. Attenzione a non confonderlo con il bicarbonato di soda o la soda caustica. La più comune è la Solvay ed è chiamato anche soda da bucato. Più aggressivo del bicarbonato, non è un anticalcare, anzi peggiora la situazione. Ma fa tante altre cose. È igienizzante, detergente, sgrassante e sbiancante. Aiuta a rimuovere lo sporco e il bruciato dalle pentole e padelle, diluito in acqua pulisce le superfici ceramiche, i vetri, i pavimenti e la plastica (5 l di acqua calda e 1 cucchiaio di soda), aumenta l’efficacia del detersivo per lavatrice (1 cucchiaino nella vaschetta) e ha un’azione sbiancante sul bucato. Non va usato direttamente su legno, cotto e pietre calcaree e per lavare lana e seta. Non mischiatelo ad un acido come aceto o acido citrico perché si annullano.
Verdevero CARBONATO di Sodio - 1Kg
Prezzo: 10,50 €
Prezzi aggiornati il 27-11-2022 alle 10:18 AM.
  • Percarbonato di sodio. In acqua si scompone in ossigeno attivo (acqua ossigenata) e carbonato di sodio, così ha un potere smacchiante e sbiancante, senza limitarsi a coprirle come gli sbiancanti ottici tradizionali. La sua capacità aumenta con il calore, dunque è bene utilizzare temperature di almeno 60° perché sia efficace sul bucato. È anche un detergente, un antimicotico, un antibatterico e uno sbiancante. È efficace come pretrattante in caso di macchie ostinate e capi ingrigiti. Si può cospargere lo sporco di polvere di perborato puro, inumidire con acqua tiepida e dopo 10 minuti strofinare. Poi è possibile lasciare in ammollo in acqua e 1 cucchiaio di percarbonato i capi da sbiancare per 2 ore.
    Per i capi colorati è sufficiente un’ora di pre-lavaggio, per i capi bianchi possiamo arrivare a 2-3 ore. Si possono lavare tutte le superfici, basta scioglierne 1 cucchiaio in 1 l d’acqua e aggiungere 1 cucchiaio di detersivo.
Prodotti biologici per la casa: oli essenziali
Prodotti biologici per la casa: oli essenziali

 

  • Luffa. Si tratta di una spugna vegetale che ci si può coltivare in casa. Si tratta dunque di una risorsa 100% rinnovabile. Appartiene alla famiglia delle cucurbitacee (le zucche), ottima per la pulizia di ogni superficie, dei piatti e del corpo. Alternando l’uso dei diversi ingredienti, l’azione pulente e igienizzante è più efficace.
  • Panni in microfibra. Si consiglia anche l’uso di panni in microfibra muniti di “unghiette”. Raccolgono lo sporco, sono utilissimi ed ecologici per tutte le pulizie. Asciutti permettono di spolverare senza detergenti. Bagnati con l’aggiunta di qualche goccia d’aceto, accrescono l’azione detergente. Si comprano al supermercato nella zona spugne per la casa. È importante comprarli di buona qualità: la spesa è un investimento sicuro, in quanto si lavano facilmente e durano davvero tanto. Altro accorgimento è quello di utilizzare sempre guanti protettivi proprio perché qualunque sostanza con cui entriamo a contatto, passando attraverso la pelle tende a depositarsi nel nostro organismo.
Guida alla pulizia ecologica della casa: panni in microfibra
Guida alla pulizia ecologica della casa: panni in microfibra

La possibilità di confezionare da sé e in casa i detersivi per pulire i piatti, la casa ed i vestiti si basa su questi ingredienti. Le miscele sicuramente più consigliabili sono quelle contenenti alcool o aceto: entrambi i materiali, infatti, che non a caso vengono utilizzati per la conservazione degli alimenti, permettono ai detersivi fai-da-te di poter essere conservati più a lungo.

In ogni caso per essere più sicuri vi consigliamo di non produrre i vostri detersivi in grosse quantità, soprattutto quando sono composti da diluizioni acquose.

Ed infine non perdevi anche la nostra guida per realizzare in casa un antimuffa naturale.

Articoli correlati

Un commento

  1. Pingback: Eco-detersivo fai da te: come prepararlo in casa - MYLUMAS Blog - Consigli utiliMYLUMAS Blog – abbigliamento ecologico e naturale in bambù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button