IBM e l’idea di una bambina di 10 anni: le strisce pedonali luminescenti

di Chiara Greco del 1 marzo 2013

Il tema della sicurezza stradale non passa mai di moda. Purtroppo ogni giorno le cronache giornalistiche di tutto il mondo documentano incidenti stradali in cui pedoni e ciclisti hanno spesso la peggio. In questa situazione le soluzioni adottate dalle amministrazioni comunali nelle nostre città sono le benvenute ma non sufficienti a risolvere davvero il problema, che diventa sempre più grave, vista la fretta e la disattenzione di tanti automobilisti.

A questo proposito, in Olanda, nasce una nuova proposta tecnologica per affrontare il tema. E’ nel paese in cui la cultura ciclistica è diffusissima e ampi spazi sono dedicati ai mezzi a due ruote, che infatti viene proposto un nuovo tipo di attraversamento pedonale.

SCOPRI QUALI SONO LE Città più ‘amiche’ dei pedoni

Ciò che stupisce è che l’idea sia arrivata dalla mente fresca e ‘inesperta’ di una bambina di 10 anni. Si tratterebbe di un nuovo sistema di attraversamento pedonale lampeggiante. Sponsorizzato e messo in atto dagli esperti IBM, il progetto è stato in realtà pensato da una scolaresca di bambini olandesi.

Lo sguardo attento dei piccoli studenti avrebbe permesso al colosso informatico IBM di impostare un sistema di attraversamento nel quale, grazie a particolari sensori, le strisce pedonali, applicabili come un grande adesivo sul manto stradale, si lluminano al passaggio dei pedoni, aiutando anche gli automobilisti a prestare attenzione e di conseguenza a rallentare la corsa nei pressi degli incroci con questo attraversamento pedonale luminescente.

LEGGI ANCHE: Hövding: arriva il casco invisibile per la bici, anzi meglio un vero e proprio airbag per ciclisti

Con l’aiuto di un cartellone – realizzato dei bambini di una scuola elementare – che invita a cambiare il modo di pensare per “Creare un pianeta più smart”, gli olandesi avrebbero oggi uno strumento in più per rilanciare le coscienze in tema di sicurezza stradale.

Come dire, se ci è arrivato un bambino…

Guarda il video:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *