Allevare insetti da mangiare… con un terrarium casalingo

di Marco Guzzi del 1 dicembre 2015

Come si dice spesso, il futuro non è più quello di una volta: questo potrebbe riguardare ben presto ciò che consideriamo come prelibatezze da servire in tavola e abitudini (ora) bizzarre come quella di allevare insetti da mangiare. Ma c’è già chi guarda avanti…

La prospettiva non è certo delle più allettanti. Eppure, anche noi occidentali potremmo esser costretti presto a cambiare le nostre abitudini alimentari. Il trend di crescita della popolazione mondiale, nonché i sempre maggiori problemi legati alla siccità ed alle inefficienze dei sistemi agricoli, minacciano la possibilità di assicurare cibo per tutti. Ecco allora la proposta “shock” emersa da un recente rapporto dell’Onu.

Allevare insetti da mangiare per cancellare lo spettro della fame, ridurre gli impatti negativi sull’ambiente e rallentare i cambiamenti climatici.

Gli insetti, sostiene la Fao, non sono solo commestibili, ma costituiscono una fonte di cibo altamente nutriente, poiché ricchi di proteine, grassi, calcio, ferro e zinco. Ben 1.900 sono le specie già utilizzate a fini alimentari nel mondo, ma oltre un milione sono quelle totali, ossia più della metà degli organismi viventi del pianeta.

Di fronte a tanta abbondanza, bisogna pure considerare che il consumo di cavallette, grilli o locuste costituisce una scelta sostenibile per il pianeta, poiché gli insetti non producono emissioni inquinanti per l’ambiente, non hanno bisogno di ricavare l’energia dagli alimenti per mantenere la temperatura corporea, essendo a sangue freddo -con soli due Kg di mangime producono un Kg di carne rispetto agli otto necessari per i bovini!-  e infine difficilmente trasmettono malattie a noi umani, in quanto troppo differenti biologicamente dai mammiferi.

SCOPRI: Il libro bianco degli insetti commestibili

Nonostante queste indicazioni, forse, non a torto, il solo pensiero di un bel piatto di cavallette continua a farvi inorridire, eppure…udite, udite…quelle con chili sono una ricetta molto diffusa e apprezzata in Messico! Eh sì, è proprio vero che si mangia anche con gli occhi!

Comunque sia, gli appelli della Fao non sono caduti nel vuoto, stuzzicando gli interessi di abili progettisti che già intravedono nell’allevamento degli insetti una futura fonte occupazionale e di reddito.

allevare insetti

Allevare insetti a casa, è la “promessa” di Lepsis

Il designer Mansour Ourasanah, in collaborazione con la casa di produzione di strumenti per cucina Kitchen Aid,  ha così creato “Lepsis”, un apparecchio formato dall’assemblaggio di quattro unità individuali, kit perfetto per allevare nelle proprie case le cavallette…da mangiare!

Pensato addirittura come oggetto di arredamento per cucina, “Lepsis” è chiuso da un coperchio superiore ed ha al suo interno  un complesso sistema di piatti esagonali che forniscono il cibo, l’aria ed il calore necessari per la crescita degli insetti. Un marchingegno alquanto bizzarro che vuole vincere le inibizioni culinarie e imporre nuovi paradigmi alimentari per le popolazioni urbane, dimostrando come sia possibile produrre grandi quantità di proteine -le cavallette ne abbondano- per ridurre così l’impatto ambientale degli allevamenti per la produzione della carne.

Geniale invenzione o roba da film horror? Se state già storcendo il naso, vi capiamo, ma stiamo a vedere se in futuro la percezione è destinata a cambiare…

Forse ti potrebbe interessare anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

*