Notizie

Dalmata adotta agnellino pezzato

La sua mamma è morta ma il suo strano pelo a macchie nere, così diverso da quello degli altri agnellini, come in una fiaba a lieto fine, lo ha salvato. Il ‘brutto anatroccolo’ di una fattoria australiana ha trovato rifugio tra le amorevoli zampe di Zoe, una femmina di dalmata che lo ha adottato immediatamente, accudendolo con la dedizione di una mamma nei suoi primi, fondamentali giorni di vita.

Dalmata adotta agnellino pezzato

Questa storia commovente arriva dalla fattoria di John e Julie Bolton, a Barossa Valley, dove la ‘strana coppia’ continua ad attirare visitatori, giornalisti e curiosi da ogni parte del paese. Zoe non perde di vista l’agnellino neanche per un secondo, lo lecca in continuazione per pulirlo, lo coccola e ogni tanto cerca perfino di allattarlo.

Ma l’agnello dalamata – come è stato già ribattezzato dai media australiani – viene nutrito con il biberon dai fattori e per sua fortuna sarà salvato sia dalla vita di allevamento che dal macello.

Probabilmente la mamma surrogata ha scambiato l’agnellino per un cucciolo delle sua razza proprio a causa delle pezzature bianche e nere del mantello e non avendo ancora dei piccoli tutti suoi da accudire ha liberato il suo istinto materno dedicandosi anima e corpo al nuovo arrivato.

Pelo a parte, la singolare unione genitoriale inter-specie ci fa riflettere su quanto grande e incondizionato possa essere l’amore materno, canino o ovino che sia…

Godetevi questo video (in inglese) del piccolo agnellino pezzato e della sua nuova mamma dalmat!

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button