Notizie

Eternit, la sentenza ancora più dura con la società svizzera

Il giorno della verità, della resa dei conti, delle sentenze e della giustizia rivendicata e negata per anni sembra essere finalmente arrivato. E il verdetto pronunciato dai giudizi nei confronti dei principali responsabili del disastro ‘Eternit’ è ancora più duro di quel che ci si aspettava.

Eternit, la sentenza ancora più dura con la società svizzera

La condanna scattata in secondo grado per Stephan Schmidheiny – l’imputato numero uno nel processo per le morti dell’amianto provocate dalla multinazionale in Italia – è di 18 anni di reclusione (due in più rispetto a quelli richiesti in primo grado), per i reati di ‘disastro doloso e omissione di cautele antinfortunistiche’ che hanno causato la strage dell’amianto. La corte presieduta dal giudice Alberto, ha invece dichiarato ‘estinti’ i reati a carico dell’altro protagonista, il barone Louis de Cartier De Marchenne, morto qualche settimana fa all’età di 92 anni.

LEGGI ANCHE: Amianto: i rischi che comporta e come smaltirlo

L’aula gremita dai parenti delle vittime ha accolto la sentenza con soddisfazione e commozione dopo che in primo grado il tribunale di Torino aveva già condannato a 16 anni i due fondatori della società, ritenuti responsabili anche per le vittime da malattie di amianto degli stabilimenti di Bagnoli e Rubiera, oltre che di Casale Monferrato e Cavagnoli.

Altrettanto esemplari le disposizioni emesse del giudice sul fronte risarcimenti: su tutti spicca quello disposto per il comune di Casale Monferrato (il più colpito dal disastro) al quale la Corte d’Appello ha riconosciuto un risarcimento di 31 milioni di euro, contro i 25 stabiliti in primo grado.

Non in sintonia con il rigore della sentenza, invece, è il mancato riconoscimento dei risarcimenti per Inail e Inps che avevano già avevano già avviato azioni di recupero in Piemonte. Ai familiari delle vittime costituitesi parte civile, la Corte ha riconosciuto un’indennità di 30.000 euro ciascuno.

PER APPROFONDIRE: 

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close