Notizie

Facebook vuole dei droni per espandere internet là dove non c’è

L’espansione dei colossi della rete, Facebook, Amazon e Google, non conosce limiti visto che i rispettivi manager sono attualmente impegnati in ‘mirabolanti’ progetti aerospaziali per far arrivare internet anche negli angoli più remoti del Globo. Secondo diverse fonti, la plurimiliardaria azienda di Mark Zuckerberg – recentemente balzata agli onori della cronaca per l’acquisto di WhatsApp – si starebbe preparando a un ulteriore investimento da 60 milioni di dollari per comprare il Titan Aerospace, ovvero una flotta di 11.000 droni alimentati attraverso pannelli solari in grado volare senza sosta per 5 anni consecutivi fino a 20.000 metri di quota.

Facebook vuole dei droni per espandere internet là dove non c’è

LEGGI ANCHE: Arriva un drone per controllare l’inquinamento

A riportare la notizia è l’autorevole blog specializzato in nuove tecnologie TechCrunch, che sottolinea la perfetta continuità del progetto promosso dal popolare social network con il lancio internazionale di Internet.org, partnership globale impegnata a rendere internet accessibile a due terzi della popolazione mondiale che ad oggi non è ancora connessa al web.

Chiunque e dovunque’: è questo il motto del colosso americano pronto a lanciare nello spazio gli aerei a pilotaggio remoto per utilizzarli come satelliti e permettere a quei 2,7 miliardi di cittadini del mondo senza accesso digitale di avere la rete.

LO SAPEVI CHE… c’è un indio combatte con Google e Facebook la distruzione della sua foresta

Che i colossi del web puntino sempre più decisi sulla robotica per ampliare i loro ‘orizzonti’ non è una novità. Non molto tempo fa Google ha annunciato l’acquisizione della Boston Dynamics, azienda americana specializzata nella produzione di robot a 4 zampe in grado di correre senza sosta alla velocità di 47 km/h. Benché l’utilizzo che ‘Big G’ farà di questi animali meccanici non è ancora molto chiaro, è molto probabile che l’operazione serva a implementare il sofisticato sistema operativo mobile di Google (composto da automobili senza pilota e palloni volanti) così da portare connettività anche nei luoghi più sperduti della Terra.

VAI A: La svolta green di Facebook: finalmente abbandona il carbone

La corsa all’acquisto dei droni è stata ufficialmente inaugurata anche da Amazon, la più popolare piattaforma online dedicata all’e-commerce, che alla fine del mese di dicembre ha detto ‘addio’ ai classici fattorini per affidare le consegne a mini-robot volanti telecomandati, capaci di recapitare fino a 2,5 kg di merce in soli 30 minuti su un raggio di 16 km dal magazzino.

Insomma, la battaglia dei ‘robot’ sembra essere appena iniziata…

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio