Auto

In Francia gli incentivi per auto elettrica fanno sul serio!

In Francia gli incentivi per auto elettrica puntano a rottamare il parco auto dei modelli più vecchi ed inquinanti, allettando con 10mila euro di bonus chi passa all’elettrica.

Se vivete in Francia e dovete rottamare la vostra vecchia auto, questo potrebbe essere il periodo ideale per usufruire degli  incentivi per auto elettrica; la nuova campagna contro l’emissione da CO2, promossa dall’ex-candidata presidenziale e oggi ministro dell’Ecologia, dello Sviluppo Sostenibile e dell’Energia, Ségolène Royal, sta raccogliendo grandi consensi: si può ricevere un bonus fino a 10mila euro se si cambia la vecchia ‘bagnole‘ a benzina o diesel con un’auto elettrica o ibrida.

In Francia gli incentivi per auto elettrica fanno sul serio!

E’ vero che per poter usufruire dei benefici è necessario che la propria auto sia vecchia di almeno 13 anni e che in cambio si acquisti un veicolo ibrido o completamente elettrico, ma resta comunque un ottimo incentivo.

Il mercato degli ibridi e delle auto elettriche vanta oramai una scelta abbastanza discreta per accontentare i gusti di tutti e la campagna garantisce un bonus, chiamato “premio di conversione”, che va dai 6.500 € per un auto ibrida a 10.000€ per chi passa ad un veicolo elettrico.

Se ti interessa, leggi anche: Auto elettriche, il listino completo

Ma non finisce qui, perché si potrà usufruire di un ulteriore incentivo di 500 euro nel caso in cui la nuova auto soddisfi tutti i requisiti di Euro 6 ed emetta meno di 110 g di CO2/ km. Come sempre qualcuno critica: in questo caso le lamentele sono sulla scelta di un range di età dell’auto troppo elevato, ma bisogna considerare che sono proprio i motori più vecchi a produrre il maggior inquinamento.

vecchia auto
In Francia gli incentivi per auto elettrica fanno sul serio!

La Francia sembra oramai puntare con sempre più convinzione sull’energia verde: ricordate quando sono stati offerti incentivi per far migrare la popolazione dai mezzi pubblici alle biciclette?

Si tratta di piccoli passi che, uniti alla conversione delle aree verdi, gli interventi di ampliamento delle piste ciclabili e delle aree pedonali, possono produrre a lungo termine dei benefici e avviare quel processo di educazione ambientale che potrebbe davvero fare la differenza.

E se l’Italia per una volta copiasse i cugini d’Oltralpe?

Alessia

Nata in Abruzzo nel 1982, si trasferisce a Roma per conseguire una laurea e un master in psicologia, ma dopo una decina d'anni rientra nel suo piccolo paese ai piedi della Majella, fuggendo dalla vita metropolitana. Attualmente coniuga l'attività di psicologa libero professionista con la passione per la scrittura, un hobby coltivato sin dalle scuole superiori. Collabora con la redazione di Tuttogreen dal 2011, cura un blog personale di taglio psicologico e scrive articoli per un mensile locale. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi, riscoprendo le antiche tradizioni d'un tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close