Notizie

Lo sfruttamento delle acque minerali svenduto alle multinazionali

L’acqua in bottiglia è un business che in Italia supera il giro d’affari di 2,3 miliardi di euro, nelle mani di 156 società e 296 diversi marchi. Un vero e proprio Lo sfruttamento delle acque minerali svenduto alle multinazionali.

Lo sfruttamento delle acque minerali svenduto alle multinazionali

Infatti il profitto è a fronte di costi irrisori: le aziende imbottigliatrici, infatti, hanno un costo in media di 1 euro ogni 1.000 litri, ovvero, appena 1 millesimo di euro per litro imbottigliato. Il 90% del prezzo di una bottiglietta d’acqua minerale è legato alla produzione della bottiglietta, al trasporto, alla pubblicità e al margine.

Potrebbe interessarti: San Francisco vieta la vendita di bottigliette d’acqua

Come mai il costo è così basso? A causa di canoni di concessione per le acque minerali stabiliti dalle Regioni estremamente bassi, perfino in aree dove vi sono difficoltà di approvvigionamento idrico.

Eppure nel 2006 la Conferenza Stato-Regioni aveva provato a mettere ordine nel settore con un documento di indirizzo che proponeva canoni uniformi con l’obbligo di pagare sia in funzione degli ettari dati in concessione sia per i volumi imbottigliati, indicando come cifre di riferimento almeno 30 euro per ettaro e un importo tra 1 -2,5 euro per mc imbottigliato.

Le Regioni che concedono canoni più irrisori sono il Molise, la Provincia autonoma di Bolzano, l’Emilia-Romagna e la Sardegna. Seguono Basilicata, Campania e Toscana.

Leggi anche: La storia dell’acqua in bottiglia

Al di là dell’aspetto meramente economico, vi è anche la ricaduta ambientale. L’imbottigliamento di acqua minerale inquina sia per la produione che per l’uso di bottigliette di PET, che poi vengono lasciate spesso per terra e non sono biodegradabili, sia per il trasporto, tutte attività che incidono sull’emissione di CO2.

Per capirci, nel 2014 sono state infatti utilizzate oltre 6 miliardi di bottiglie di plastica da 1,5 litri, per un totale di più di 450mila tonnellate di petrolio utilizzate e oltre 1,2 milioni di tonnellate di CO2 emesse.

Insomma un settore da riformare assolutamente con vere e proprie leggi. E non con accordi che poi nella sostanza non vengono rispettati.

Ma perché comunque pagare quando si potrebbe avere acqua gratuita dalla rete idrica, dalle fontane pubbliche? Eppure gli italiani continuano a preferire la bottiglia. Nel 2012 si acquistavano 192 litri d’acqua minerale per abitante, una bottiglietta da mezzo litro al giorno a testa, portando l’Italia ai primo posto in Europa come consumo di acqua minerale.

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button