Parco Nazionale dell’Appennino Lucano – Vacanze Ecosostenibili

di Salvo del 26 febbraio 2011

Il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano -Val d’Agri-Lagonegrese si estende su un vasto territorio che comprende una buona fetta del territorio della Basilicata tra le alte vette del Volturino e del Pierfaone fino al massiccio del Sirino, che presenta alcune delle montagne più alte dell’Appennino meridionale come il Monte Raparo (1.764 m.) con le sue cime la Bannera (1.703 m.) e Verro Croce (1.672 m).

Questi territori nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano possiedono una storia affascinante che risale a circa 200 milioni di anni fa e sono punteggiati da laghi, grotte, sorgenti, zone fossilifere e conche carsiche.

Visitando il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano sarete colpiti dalla grande varietà di paesaggi: potrete godere della vista di grandi faggete, ma anche di aree occupate da alberi come l’acero di lobel, l’acero campestre, la carpinella, il carpino nero, l’acero d’Ungheria, gli abeti bianchi ecc.

Anche le varietà di piante nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano sono particolarmente numerose troverete: il sigillo di Salomone, il miosotis, il ciclamino, il geranium cinereum, la veronica austriaca, e nelle praterie molte specie di orchidee come l’Orchis simia, l’Ophiris lucana ecc.

Se, invece, siete degli amanti degli animali il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano non vi deluderà di certo e potrete avvistare cicogne nere e bianche, aquile reali, falchi pellegrini, nibbi reali e nibbi bruni, puzzole, cinghiali, cervi, volpi, sauri, orbettini, testuggini d’acqua e di terra, istrici, gatti selvatici, corvi imperiali, poiane, saettoni ecc.

Il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano presenta molte attrattive anche per gli appassionati di archeologia: nel cuore della foresta potrete, infatti, ammirare le rovine di Grumentum, la città romana più importante dell’antica lucania e uno dei siti di epoca romana meglio conservati in Italia.

Se volete rimanere qualche giorno in più in questi magnifici territori vi consigliamo agriturismi e hotel biologici, come l’agriturismo Casale “do Rodaro” a Trecchina (PZ), l’agriturismo Carrera della regina a Banzi (PZ) o l’agriturismo Grotte dell’Eremita a Castelmezzano  (PZ).

Per maggiori informazioni:

Articoli correlati:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment