Il vaso che ci avverte quando la frutta sta per marcire

di Cinzia Porfiri del 3 maggio 2014

È capitato a tutti noi, almeno una volta: riempire fino all’orlo bellissimi cestini e vasi portafrutta e rendersi conto, dopo qualche giorno, che parte del contenuto è da buttare. Un vero spreco che però, grazie alla rivoluzionaria invenzione di uno studente indiano, potrà forse essere scongiurato per sempre. E’ stato creato il primo vaso che ci avverte quando la frutta sta per marcire

LO SAPEVI CHE… negli USA il 40% del cibo è buttato!

Lo studente di design Jagjit Chodha, della Brunel University di Londra, ha trovato, infatti, il modo per ovviare a questo fastidioso inconveniente. Il ragazzo ha progettato un portafrutta dotato di particolari sensori in grado di avvertire quando inizia il processo di maturazione, e quindi di appassimento, della frutta prima che questa non sia più commestibile.

I sensori installati all’interno del contenitore rilevano la quantità di ossido di etilene, un gas emesso dalla frutta quando va a male. Quando i livelli del gas raggiungono la soglia limite, si accende un led per avvertire che è giunto il momento di consumare la frutta.

LEGGI ANCHE: L’Europa dichiara guerra allo spreco alimentare

L’idea del portafrutta intelligente è sicuramente simpatica e innovativa, ma non solo: secondo una stima, infatti, negli USA vengono gettati via ogni mese 120 milioni di kg di cibo. Dunque, design a parte, il progetto di questo giovane studente potrebbe rivelarsi una vera ‘manna’ per ridurre l’entità di questo inaccettabile spreco alimentare (e produrre meno rifiuti).

Noi ci auguriamo di sì!

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment