Festival delle Terre 2013, la biodiversità incontra il cinema

di Erika Facciolla del 7 maggio 2013

Tutelare la biodiversità ‘fotografando’ le dinamiche che si celano dietro al cibo e alla sua produzione: è questo il tema che caratterizzerà la decima edizione del ‘Festival delle Terre’, il concorso internazionale promosso dal Centro Internazionale Crocevia che ogni anno premia le migliori produzioni audiovisive, filmati e documentari dedicati alla biodiversità.

Anche quest’anno il festival si svolgerà a Roma presso il Nuovo Cinema Aquila (7-10 maggio 2013) e presenterà al pubblico una vasta selezione di documentari italiani e internazionali in tema di diritti legati alla terra, sovranità alimentare e conservazione della diversità biologica, culturale e sociale.

La domanda centrale sarà: ‘cosa c’è nel nostro piatto?’, ovvero, ‘quali meccanismi, dinamiche di mercato, storie, speculazioni e diritti violati si celano dietro il cibo che portiamo ogni giorno in tavola?’.

Per rispondere a questi importanti quesiti il festival darà voce al racconto dei protagonisti, come piccoli e grandi produttori alimentari, associazioni locali, comunità e operatori del settore che attraverso le loro storie permetteranno al pubblico di guardare nel ‘dietro le quinte’ dei luoghi in cui avviene la produzione alimentare, in Italia e nel resto del Mondo.

Per celebrare il decimo anniversario della morte dello statista burkinabè Thomas Sankara, assassinato nel 1987 e simbolo illustre della lotta per i diritti umani e la sovranità alimentare, l’associazione culturale Amanda proporrà una rassegna fotografica dal titolo ‘Sostiene Sankara – racconti di felicità rivoluzionarie’ che narra la vicenda umana e politica del ‘Presidente ribelle’ attraverso il linguaggio dei fumetti.

La prima serata del festival sarà interamente dedicata al Cile di Pinochet con la proiezione dei documentari  Calle Miguel Claro 1939’, ‘Cile: immagini del paese invisibile e ‘Nada mas que eso’.  La terra sarà l’elemento dominante anche della seconda serata durante la quale si parlerà di storie di  terre rubate e soprusi perpetrati nei quattro angoli del Mondo che sempre più spesso impediscono alle comunità locali di provvedere al proprio fabbisogno alimentare coltivando le terre native.

Un argomento ‘caldo’ nell’epoca del ‘land grabbing’ e delle risorse naturali oltraggiate che verrà affrontato attraverso la proiezione di opere come ‘Sachamanta’,  ‘El Gigante’, ‘Terra Nera’, ‘Bikpela Bagarap’ e ‘L’età del cemento’. Chiusura in bellezza con l’anteprima internazionale di ‘Shady chocolate’, il film-documentario di Miki Mistrati che indaga sullo sfruttamento delle piantagioni di cacao dell’ Africa Occidentale.

Come ogni anno, non mancheranno i momenti di approfondimento e dibattito sui temi affrontati nel corso del festival. Per tutte le altre informazioni è consultabile il sito ufficiale della manifestazione all’ indirizzo www.festivaldelleterre.it.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *