Masdar City, il sogno di una smart city nel deserto si allontana

di Giuseppe Stilo del 26 febbraio 2014

In molti si chiedono se andrà veramente a buon fine lo sviluppo di Masdar City, la smart city eco-sostenibile di 6 kmq localizzata nel deserto di Abu Dhabi negli Emirati Arabi uniti, oppure se le difficoltà per la realizzazione di questo ambizioso progetto saranno talmente tante da farlo fallire.

LEGGI ANCHE: Masdar City Project: la prima nuova città al mondo ad emissioni zero

Masdar city, progettata dallo studio di architettura inglese Foster and Partners, è una nuova concezione di città, nella quale le emissioni di carbonio sono totalmente nulle, dove l’energia elettrica per intera comunità è fornita da un campo di 22 ettari con 87.777 pannelli solari, dove le autovetture sono state sostituite da veicoli elettrici senza conducente che portano i residenti in giro per la città.

A Masdar inoltre, il design delle pareti degli edifici (costituite con cuscini d’aria che limitano il calore) ha contribuito a ridurre la domanda di aria condizionata del 55%. Qui non ci sono interruttori della luce o rubinetti, solo sensori di movimento che dovrebbero ridurre il consumo di elettricità del 51%, e lo spreco di acqua del 55%.

TI POTREBBE INTERESSARE: Masdar city, un nuovo modo di produrre energia dal vento

Nonostante tutta questa attenzione all’impatto ambientale e al risparmio energetico, però, la città stenta ancora a decollare dal punto di vista economico e sociale. Troppo pochi gli abitanti che vi risiedono ( per lo più studenti) per poter giustificare un investimento da 22 miliardi di dollari, troppo poche le attività commerciali esistenti in città e troppo poco accessibili i prezzi per i prodotti di ogni genere.

Secondo i programmi, entro il 2015 Masdar City avrebbe dovuto vantare una popolazione di 50.000 abitanti e 40.000 pendolari. Dovevano essere presenti almeno 1.500 nuove imprese green, per un indotto lavorativo di almento 10.000 nuovi dipendenti, aumentando in tal modo di due punti percentuale il PIL di tutta Abu Dhabi. Ma già nel 2010, la data di completamento e di messa a regime di tutta la smart city è stata posticipata addirittura al 2025.

LEGGI ANCHE: 10 Smart Cities del futuro: verde e tecnologia a misura d’uomo

Restano inoltre ancora dei dubbi sulla spendibilità di questo nuovo concetto di città anche in altre realtà metropolitane, perchè molti sono convinti che sarà molto complicato (se non impossibile) esportare questi sistemi totalmente green anche in città già densamente come Parigi, Roma o Berlino.
Si teme quindi che Masdar City possa essere ricordata solo come una cattedrale green nel deserto, ma la speranza è sempre l’ultima a morire.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *