Pannelli solari sui tetti obbligatori in una regione dell’India

di Erika Facciolla del 13 febbraio 2015

Pannelli solari obbligatori sui tetti di ogni casa di medio-grande dimensione. Succede in India, precisamente nello stato settentrionale dell’Aryana, dove il governo locale ha appena approvato un provvedimento che sancisce l’importante novità in materia energetica.

Il recente provvedimento prevede che tutti gli edifici di dimensioni superiori ai 500 metri quadrati debbano essere equipaggiati di un sistema fotovoltaico in grado di soddisfare al meno il 5% del fabbisogno energetico del fabbricato (capacità minima 1kW).

L’elettricità in eccesso prodotta dai pannelli fotovoltaici sarà reimmessa in rete il suo valore costituirà un credito che i cittadini si vedranno conguagliare sulle bollette della luce. Un programma energetico importante e ambizioso che ha già propiziato l’installazione di 250 impianti e che riflette la crescente domanda energetica che lo stato indiano è tenuto a soddisfare per via di un aumento demografico che non conosce battute d’arresto.

Il provvedimento prevede l’erogazione di un incentivo economico pari al 30% calcolato sull’intero costo dell’impianto, anche se i fondi messi a disposizione dal governo difficilmente saranno sufficienti a soddisfare tutti i richiedenti, almeno in questa prima fase.

L’iniziativa dell’Aryana in tema di energie rinnovabili è un ulteriore prova dell’impegno che il governo Indiano sta impiegando per raggiungere un obiettivo ancora più ambizioso: produrre 15 GW di potenza solare installata entro il 2019 (Fonte: Business Green).

Del resto, la politica che il neo-esecutivo diretto da Narendra Modi ha promosso in tema di rinnovabili è apparsa sin dall’inizio molto decisa e ha già permesso di avviare numerose iniziative e progetti volti ad aumentare l’efficienza energetica dell’intero paese, ridurre sensibilmente la dipendenza dai combustibili fossili e le emissioni di gas serra nell’atmosfera, puntare con decisione alla potenza fotovoltaica.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *