Rinnovabili

Come scegliere i pannelli solari

Una guida alla scelta della tecnologia più adatta alle proprie esigenze

Capiamo come scegliere i pannelli solari per soddisfare il proprio fabbisogno energetico o di acqua calda ed il budget che si ha a disposizione. Bisogna considerare che ci sono diversi fattori di cui bisogna tenere conto: tecnologici, di costo e di efficienza. Proviamo a spiegare le caratteristiche dei vari tipi per guidarvi alla selezione al tipo di pannello che fa per voi, per le vostre esigenze, spazio a disposizione, zona in cui abitate e naturalmente… portafoglio.

Come scegliere i pannelli solari

Quale tipo di pannello: dovete produrre energia elettrica o acqua calda?

A seconda delle vostre necessità dovete prima di tutto valutare il tipo di pannello che vi servirà. Esistono infatti i pannelli solari termici ed i pannelli fotovoltaici. E sono due tipi di tecnologie solari che svolgono funzioni diverse.

I pannelli fotovoltaici convertono l’energia solare direttamente in elettricità utilizzando celle fotovoltaiche. Mentre il solare termico converte l’energia solare in calore, e può essere utilizzato per riscaldare acqua o aria per uso sanitario o riscaldamento dei termosifoni.

Se dovete solo riscaldare l’acqua, per uso domestico, ad esempio per l’acqua calda sanitaria, o per avere acqua destinata al riscaldamento, o ancora avere aria calda per il riscaldamento degli ambienti domestici, quello che vi serve è dunque una installazione di soli pannelli solari termici, che sono caratterizzati da un’efficienza energetica più elevata rispetto ai fotovoltaici. Poiché convertono l’energia solare in calore, possono raggiungere efficienze di conversione solare superiori al 70%.

I pannelli fotovoltaici generano elettricità che può essere utilizzata per alimentare elettricamente gli elettrodomestici, i sistemi d’illuminazione, l’impianto di riscaldamento e raffreddamento a pompa di calore, e per caricare le batterie dell’auto o degli elettrodomestici. Ma hanno un’efficienza di conversione solare del 15%-20%, i più avanzati possono superare il 20%.

Infine, particolare non trascurabile, installare un impianto solare termico ha in genere un costo inferiore rispetto a quello di pannelli fotovoltaici, poiché la tecnologia è meno complessa e richiede meno materiali. Tuttavia, i costi possono variare in base alle dimensioni del sistema e alle specifiche dell’installazione.

Cosa  valutare per installare i pannelli solari

Detto dei fattori tecnologici (che comunque sono legati a doppio filo a budget e spazio in cui si vuole installare), veniamo agli altri fattori chiave, efficienza in primo luogo.

Diamo per scontato che possediate tutti i requisiti per installare un impianto fotovoltaico per produrre energia elettrica ai fini domestici (cioè siete proprietari dell’area, casa o terreno che sia, dove volete installare o avete l’apposito permesso per farlo se vivete in un condominio.

A questo punto non ci sono vincoli ambientali bloccanti e avete una area disposta a Sud, non ombreggiata, dove puntare i pannelli), vediamo i prossimi passi per l’installazione dei moduli fotovoltaici.

  • Esame della superficie: misurate la superficie a disposizione, perché la quantità di luce solare catturabile e trasformabile in energia elettrica dipende innanzitutto da questo. Considerate che in una superficie inclinata come un tetto occorrono circa 8 mq per ogni kW di potenza che si vuole ottenere. Nel caso si montino più file di pannelli, ci vorranno più di 8 mq per ogni kW, perché le file di pannelli vanno distanziate per evitare che si ombreggino a vicenda. Quindi, questa è la prima cosa da sapere: se avete indicativamente una superficie di 16 mq di tetto (ovviamente orientato a sud), l’impianto che potremo montare avrà potenza circa di 2 kW.
  • Calcolo del fabbisogno e ottimizzazione del capitale investito: posto che l’impianto ottimizza l’investimento è quello che produce su base annua esattamente quanto consumiamo, bisogna capire innanzitutto il nostro fabbisogno. Prendiamo quindi le nostre bollette elettriche e capiamo quanti kWattora (gli “scatti”) consumiamo in un anno.
  • Capacità ottimale dell’impianto. ll nostro consumo andrà diviso per la produzione dell’impianto fotovoltaico, tenendo conto che la produttività cresce – a parità di altre condizioni – man mano che ci si sposta dal Nord al Sud d’Italia. Un impianto fotovoltaico da 1 kW produce in media: al Nord: circa 1150 kWattora/anno, al Centro: circa 1300 kWh/anno, al Sud: circa 1500 kWh/anno. A questo punto, se prendiamo il valore di scatti della nostra bolletta elettrica annuale e la dividiamo per questi coefficienti di produttività, otteniamo il dimensionamento ottimale dell’impianto fotovoltaico. Ad esempio, abitiamo nel Centro Italia, e consumiamo 3900 kWah/anno all’anno, avremo: 3900/1300 = circa 3 kW di dimensionamento efficiente dell’impianto. Oppure abitiamo al Nord e consumiamo solo 2500 kWattora/anno, il dimensionamento sarà poco più di 2 kW di picco (2500/1150).
  • Potenza dell’impianto. In questo modo saremo anche in grado di scegliere la potenza ottimale dell’impianto, fermo restando che è sempre possibile costruire impianti con potenza maggiore rispetto al fabbisogno ovvero anche senza avere un consumo di energia elettrica e riversare tutta la produzione nella rete.

Come scegliere i pannelli solari

Quali elementi considerare per scegliere il pannello solare

Per completare la nostra mini-guida alla scelta del pannello solare più adatto, elenchiamo tutti i fattori che devono essere presi in considerazione per la scelta del pannello fotovoltaico più adatto alle proprie esigenze, sia in caso di solare termico che di sola produzione di energia elettrica.

  • Tipo di pannello solare: valutare quello più adatto tra i vari tipi di pannelli solari disponibili sul mercato e considerate la differenza tra pannello solare e fotovoltaico. Se dovete solo produrre energia elettrica valutate i pannelli fotovoltaici (PV), mentre saranno più interessanti i pannelli solari termici per chi deve produrre acqua calda sanitaria. I pannelli fotovoltaici convertono la luce solare in elettricità, mentre i solari termici utilizzano il calore del sole per riscaldare acqua o aria. In base a quello che volete, sceglierete quale tipo di pannello solare sarà più adatto alle vostre necessità.
  • Efficienza: questo parametro si riferisce alla quantità di energia solare che possono convertire in elettricità. I pannelli più efficienti generano più energia con la stessa quantità di luce solare, ma possono essere più costosi.
  • Potenza: è misurata in watt peak (Wp) e indica la massima potenza che possono produrre in condizioni di luce solare ideali. Va considerata in base al fabbisogno energetico della vostra casa.
  • Qualità e affidabilità: meglio scegliere pannelli di alta qualità e da un produttore affidabile. Controllate le recensioni, le valutazioni e la reputazione del produttore per essere sicuri che i pannelli siano durevoli e affidabili nel tempo.
  • Garanzia: verificate la garanzia offerta dal produttore, che più lunga maggiore tranquillità e copertura sarà in grado di offrire nel caso si verifichino problemi.
  • Dimensioni: il dimensionamento va calcolato in base allo spazio disponibile sul tetto o del terreno in cui andranno installati i pannelli, oltre che l’orientamento e la fascia climatica che determiona maggior e o minore quantità di ore di sole al giorno durante l’anno, e altri fattori specifici che un buon tecnico o ditta specializzata potranno indicare nel progetto e nel preventivo.
  • Costo: valutate il rapporto qualità-prezzo dei pannelli solari. Il costo iniziale dell’acquisto e dell’installazione dei pannelli solari è elevato, ma si possono generare dei potenziali risparmi energetici a lungo termine che vanno attentamente valutati al momento del dimensionamento dell’impianto, con possibili rivendita dell’energia in eccesso al gestore della rete energetica locale.
  • Installazione e manutenzione: è importante procurarsi una valutazione e un progetto eseguito da professionisti esperti. Considerate anche quali sono i requisiti di manutenzione necessari durante il ciclo di vita dei pannelli e che la ditta che li installa preveda un contratto di manutenzione regolare compreso o meo nel costo del progetto d’installazione.

È consigliabile consultare un esperto o un installatore di pannelli solari per aiutarti a valutare le tue esigenze specifiche e guidarti nella scelta dei pannelli solari più adatti alla tua situazione.

Quali sono i tipi di pannelli fotovoltaici

Chi vuole installare dei pannelli fotovoltaici, troverà sul mercato, disponibili varie tipologie di modulo fotovoltaico, che si differenziano per la tecnologia delle celle. Sono fondamentalmente tre.

  • Silicio monocristallino: è il più pregiato, costoso ed efficiente nel convertire la luce del sole in energia elettrica: il rendimento che assicura, ossia la capacità di trasformare la luce del sole in energia elettrica, è il più alto nel mercato e varia tra il 16 e il 20%. Generalmente è la migliore opzione se non si ha tanto spazio a disposizione per l’installazione.
  • Silicio policristallino: leggermente meno efficiente del silicio monocristallino (rendimento che si situa tra il 10 e il 15%) e anche leggermente meno costoso.
  • Silicio amorfo: in questo caso i pannelli solari costano assai di meno, ma hanno un rendimento basso (tra il 5 e 8%) e occupano un sacco di spazio. È però una soluzione ottimale quando bisogna coprire una superficie curvilinea, perché la particolarità del silicio amorfo è la flessibilità e quindi i pannelli possono essere costruiti in fogli flessibili.

Il tipo di tecnologia alla base dei pannelli fotovoltaici che va bene per voi dipende dal vostro budget e dallo spazio fisico a disposizione per l’installazione.

Altre informazioni

Altri articoli sulle rinnovabili:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio