Tutte le piante italiane endemiche raccolte in un atlante

di Erika Facciolla del 26 settembre 2014

Un tripudio di colori e profumi, un prezioso scrigno colmo di quelle unicità che caratterizzano lo Stivale, un patrimonio di biodiversità che si nasconde lungo i sentirti di campagna, nei prati, nei campi e perfino in città, in ambienti a volte ostili: stiamo parlando delle piante italiane endemiche, che da oggi sono raccolte in un grande atlante.

 Leggi anche: Le erbacce adorano la città

Si tratta di specie endemiche, cioè che crescono crescono spontaneamente da nord a sud della nostra penisola. Sono tante, anzi tantissime, al punto che per contarle, catalogarle e classificarle tutte c’è voluto uno studio di 4 anni conclusosi recentemente con la pubblicazione di un volume prezioso: il primo atlante delle piante italiane endemiche, un progetto coordinato dal Dipartimento di biologia dell’Università di Pisa in collaborazione con alcuni botanici del Centro Ricerche Floristiche dell’Appennino Italiano.

Scopri cosa…Cresce nell’orto se poi lo si mangia

Lo studio, comparso sulla rivista specializzata Phytotaxa, rappresenta la prima mappa delle piante spontanee ‘autoctone’ censite nel Bel Paese dagli esperti durante le ricerche iniziate nel 2009 e non ancora del tutto completate.

Sono 1.371 le specie ritenute ‘uniche ed endemiche’, vale a dire il 19% della flora nazionale, e la metà di questa si concentra al centro-sud, soprattutto in Sardegna, Sicilia, Calabria, Toscana e Abruzzo. Alcune di esse, inoltre, crescono solo in aree del paese molto ristrette, caratterizzate da micro-climi particolari. È il caso del ‘Lino di katia’, una specie erbacea spontanea molto rara che cresce solo a ridosso del monte Manfriana, all’interno dell’area del Pollino.

Potrebbe piacerti: Erbe commestibili: cosa raccogliere in estate

Con la definizione di un atlante completo e dettagliato, indispensabile per la conoscenza del territorio e la tutela della biodiversità, sarà finalmente possibile approfondire la conoscenza delle specie autoctone e avviare di programmi mirati per la salvaguardia di quelle varietà particolarmente rare o a rischio estinzione.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *