La scuola ecosostenibile inizia a settembre!

di Maura Lugano del 1 settembre 2014

Oggi più che mai genitori, insegnanti, bambini e studenti dovrebbero prestare una particolare attenzione per rendere la loro scuola ecosostenibile, partendo anche dai materiali scolastici.

E’ compito dei genitori e degli insegnanti trasmettere buone abitudini e un comportamento più rispettoso per la natura, così che i più giovani si abituino al rispetto dell’ambiente. A volte i nostri ragazzi si rivelano più sensibili degli adulti stessi.

Leggi anche: Cibo sano e locale per la merenda dei bambini: una scuola umbra 

Per evitare sprechi e per risparmiare sul materiale scolastico, esigenza di tantissime famiglie, si potrebbe iniziare settebre recuperando quanto utilizzato nell’anno precedente se ancora in buono stato.

Quindi zaini, cartelle, astucci, grembiuli, ma anche penne, matite e pennarelli, se non sono del tutto andati distrutti e hanno ancora una funzionalità vanno recuperati e i genitori dovrebbero evitare di acquistarne di nuovi solo per seguire una moda o per soddisfare un capriccio del pargolo che li vuole nuovi o più alla moda.

Quando, invece, si deve acquistare quello che occorre, è opportuno orientarsi verso scelte ecosostenibili ed ecofriendly, ad esempio dando priorità a cartelle e zaini in tessuti naturali e non plastici oppure in materiali riciclati. Per i bambini che frequentano l’asilo e le scuole elementari e che sono maggiormente attirati dai colori vivaci e allegri, la scelta andrà preferibilmente a zainetti e cestini realizzati con plastica riciclata e altri materiali più naturali, per i ragazzi più grandi si trovano in commercio zaini e borse in fibre naturali, prevalentemente in canapa o cotone biologico. Su internet si posson spuntare prezzi interessanti e scegliere modelli decisamente fashion; e se si ha l’accortezza di riunire un gruppo di mamme, acquitando così grosse quantità dello stesso articolo, il prezzo scende ancora!

Le conosci? A scuola in campagna, nelle fattorie didattiche

Per chi, oltre a pensare ecofriendly, ama anche la tecnologia, esistono zaini e cartelle con un curioso inserimento: un piccolo pannello solare che permette di ricaricare cellulare, pc…

Per la cancelleria, altrettanto, gli acquisti possono essere orientati verso quaderni e quadernoni, comprese le ricariche dei raccoglitori ad anelli, in carta riciclata o che si contraddistinguono con la dicitura FSC (Forest Steward Council, che garantisce l’impiego di legno e carta proveniente da foreste in cui sono rispettati determinati criteri ambientali). Anche per la cancelleria, cercando su internet è possibile trovare prezzi veramente convenienti e anche in questo caso, risparmiare ancora di più unendo gli acquisti tra più persone, quindi, coinvolgendo altri genitori in acquisti collettivi con un’unica consegna.

Oltre ai quaderni in carta riciclata, è opportuno scegliere pennarelli ed evidenziatori che siano il più possibile compatibili con l’ambiente e prodotti senza l’impiego di troppe sostanze chimiche, ad esempio acquistando quelli a base di acqua.

Attenzione anche per la colla, usata molto spesso a scuola soprattutto dai più piccoli con pericolo di contatto diretto con la pelle e il corpo, per cui andrebbe scelta in modo attento evitando quelle contenenti solventi di origine chimica.

Scopri questo: Spreco alimentare: doggy bag anche in mensa a scuola?

Infine gomme di vero caucciù naturale, righe, righelli e squadre in legno oppure in plastica degradabile, matite e mine in cartone riciclato, penne e biro in plastica riciclata oppure in plastica degradabile e bio-plastica e naturalemnte… mandate i bimbi a scuola con merende più sane e naturali (esempio frutta, pane e marmellata, torta fatta in casa) al posto delle merendine del supermercato!

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *