10 buoni motivi per passare allo scooter elettrico

di Alessandra Mambri del 17 luglio 2014

Scopriamo insieme 10 buoni motivi per passare allo scooter elettrico per una mobilità urbana più sostenibile

Il nostro portale ha affrontato più volte il tema degli scooter elettrici: abbiamo visto quelli in commercio e i relativi prezzi di mercato, gli incentivi per acquistarli, abbiamo sottolineato come alcuni enti locali li abbiano messi a disposizione dei propri funzionari, come molte città siano visitabili con gli scooter a noleggio, quanto siano utilizzati in molti comuni dai postini e via dicendo.

Tenendo presente che la mobilità sostenibile nelle città è diventata uno dei principali obiettivi di pubbliche amministrazione ed aziende che cercano di sviluppare progetti ed azioni in grado di diminuire effettivamente l’inquinamento atmosferico, oggi vogliamo soffermarci sui vantaggi concreti che si possono ottenere scegliendo uno scooter elettrico, ricapitolandoli organicamente.

Lo scooter, di per sé un mezzo molto comodo e veloce e notevolmente usato e preferito durante la bella stagione ma anche per evitare il traffico metropolitano, diventando sostenibile grazie alla trazione elettrica, può rappresentare un vero e proprio strumento per muoversi liberamente evitando soprattutto problematiche ambientali.

I vantaggi legati all’acquisto di uno scooter elettrico sono notevoli e vanno considerati non solo per l’aspetto economico ma anche per quello ambientale.

Chi possiede uno scooter elettrico, infatti, ha diritto all’esenzione da bollo per 5 anni e ad uno sconto sull’assicurazione RC del 50%. Inoltre non vi è alcun tipo di limitazione alla circolazione: blocchi del traffico, ZTL, Ecopass non rappresentano più un problema, non è necessaria nessun tipo di manutenzione meccanica soltanto controllo freni e pneumatici, nessun cambio d’olio ed ha un costo di ricarica davvero molto basso che si aggira intorno ai 0,50 cent di € (consumo di corrente per un “pieno”)

Gli scooter elettrici possiedono generalmente batterie estraibili e ricaricabili ovunque anche a casa, in ufficio (basta una presa elettrica), possiedono un’autonomia di 90 Km e a parità di potenza il motore elettrico gode di un’accelerazione superiore al benzina.
Questi veicoli ecologici, inoltre, sono estremamente silenziosi e possono essere utilizzati anche in ambienti chiusi.

Per quanto riguarda l’aspetto ambientale, invece, utilizzando uno scooter elettrico si hanno zero emissioni in atmosfera e, quindi, un maggiore rispetto per l’ambiente.

Inoltre, per l’acquisto del veicolo è possibile usufruire di incentivi statali e ad anche regionali.

E’ ora di dire basta al petrolio, all’inquinamento, alle emissioni di gas e al rumore, oggi è possibile risparmiare soldi e tempo diventando padroni del nostro futuro migliorando l’aria che respiriamo e la qualità dell’ambiente che ci circonda e ci ospita passando alla mobilità elettrica.

Leggi anche:

Outbrain

{ 6 comments… read them below or add one }

bilbo settembre 11, 2014 alle 12:29 pm

Una domanda: se io comprassi una moto elettrica al di fuori dell’italia in quanto qui non vi è concessionario e non è importata, ma ne ho uno oltre confine a tutto sommato a pochi km.
Avrei problemi con
1) l’immatricolazione ?
2) il bollo ,scaduto il periodo gratuito?
3) l’assicurazione ?
4) l’importazione ? Tasse di dogana ecc ?

Rispondi

Massi dicembre 16, 2012 alle 10:04 pm

Bisogna iniziare a pensare in maniera diversa! Quando si va da un concessionario ci vendono un’auto dicendo che “costa” 16.000€ (esempio), questo non è il costo ma il prezzo!!! Il costo è la somma del prezzo e dei costi di gestione che per un’utilitaria sono circa 3.000€ annui!!!!
Vi sembrerebbe ancora così conveniente se vi proponessero l’auto dicendo che costa 16.000€ + 3.000€ all’anno per l’utilizzo?
O forse è più conveniente una elettrica con un prezzo di 22.000€ + 300€ all’anno?
Purtroppo ci hanno inculcato nella testa un certo modello di acquisto e siccome siamo abituati neanche ci pensiamo che bisogna pagare i tagliandi, l’assicurazione alle stelle, il carburante che inquina e che costa un’occhio della testa.. è tutto normale… è così che funziona, ci diciamo inconsciamente e la gestione sparisce dai nostri pensieri.
Cambiamo modo di vedere le cose, solo così qualcosa può cambiare nella nostra società.

Rispondi

Massi dicembre 16, 2012 alle 9:49 pm

Io mi sono comprato un’auto elettrica, il prezzo ok è più alto rispetto ad una pari categoria, tuttavia i vantaggi sono enormi, assicurazione 176€ annui, bollo gratis per 5 anni e i successivi anni 50€, manutenzione pressochè assente, energia elettrica per ricaricarla 1,60€ per percorrere 140 km. In un mese di utilizzo mi sono praticamente pagato la rata dell’acquisto con quello che avrei speso di gasolio… pensateci!! Se uno possiede un impianto fotovoltaico non paga neanche la corrente elettrica e non emette emissioni in atmosfera.
Per la produzione del veicolo ci saranno emissioni inquinanti certo, come con un’auto tradizionale, tuttavia poi con l’utilizzo non inquiniamo più.
Per uno scooter elettrico un prezzo di 3.000€ circa non mi sembra la fine del mondo considerando poi tutto il risparmio che abbiamo con l’utilizzo.

Rispondi

karlito ottobre 12, 2012 alle 10:29 pm

energia pulita, basso impatto per l’ambiente, e poi 15000 euro per una moto da strada, 7000 euro per uno scooter, ma insomma vogliono l’aumento di un parco circolante di mezzi che non inquinano o no? io sono stato convinto da spot pubblicitari che dicevano trasforma la tua auto usata da benzina a gpl, e avrai il 70% di riduzione sul bollo auto, e pagherai un litro di gpl 0,70 centesimi di euro, adesso dopo aver speso 2000 euro di impianto a gpl, scopro che il consenso te lo deve dare la regione in cui vivi per la riduzione del bollo, e la mia regione che è la Calabria non ha aderito, e non solo, con l’aumento del prezzo della benzina stanno aumentando il gpl, da 0,70 centesimi di inizio estate, la stanno portando a 0,90 centesimi di euro. l’Italia, che paese….

Rispondi

marco giugno 20, 2012 alle 4:09 pm

Andando a logica io non vedo tutto questo “ECO”.. è un banale impiego di trazione elettrica da batterie che vengono caricate dalla presa della corrente, e questa magari viene alimentata da una bella centrale a carbone nuova nuova creata appositamente perché la richiesta di energia è aumentata..
Ora per favore spiegatemi che vedete di GREEN

Rispondi

marco del greco giugno 10, 2012 alle 4:13 pm

Inoltre, per l’acquisto del veicolo è possibile usufruire di incentivi statali e ad anche regionali. ????
Non mi risultano incentivi statali e tantomeno regionali (toscana)

Rispondi

Leave a Comment

{ 2 trackbacks }