Notizie

Api urbane, i giardini e i parchi di città meglio dei campi coltivati per la loro sopravvivenza

Il rifugio preferito dalle api, bombi, vespe e calabroni? E’ in città, immerso nel verde urbano di un bel parco, un giardinetto o un orto metropolitano. Strano a credersi, ma un recente studio britannico atto a censire la popolazione di insetti impollinatori presenti nelle aree urbane e suburbane delle principali città del Regno Unito, ha rivelato che negli ultimi anni le aree verdi in prossimità dei centri abitati di medie e grandi dimensioni ospitano molti più insetti impollinatori di quanto accada nei terreni agricoli e in campagna.

Api urbane, i giardini e i parchi di città meglio dei campi coltivati per la loro sopravvivenza

SCOPRI: Come allevare api in città

A detta degli scienziati dell’Università di Bristol, autori della ricerca, non sarebbe soltanto un curioso vezzo delle api britanniche poiché l’habitat urbano è diventato ormai fondamentale nella conservazione e proliferazione di questi insetti in ogni angola del Pianeta.

Api urbane
Api urbane: l’aria di città non è poi così male per loro?

In città, infatti, le api si riproducono tanto volentieri quanto nelle riserve protette e nelle aree rurali, poiché la disponibilità di cibo prezioso è assicurata per tutto l’anno, soprattutto in prossimità di egli orti e dei giardini urbani che producono fiori e frutti in abbondanza in ogni stagione.

SPECIALE: Api urbane, i progetti per crescere api in città

Lo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings della Royal Society di Londra, è stato condotto da una equipe di ricercatori guidati dal dott. Dave Goulson, che ha dimostrato l’esistenza di molte più api selvatiche in città di quante se ne trovino in campagna.

Nelle aree verdi delle città di Bristol, Cardiff, Reading, Southampton, Leeds, Sheffield, Kingston-upon-Hull, Edinburgh, Glasgow, Dundee Londra, infatti, sono stati individuati 7.412 insetti: questo significa che sia le città che le periferie possono essere considerati cruciali per la salvaguardia degli insetti impollinatori, sempre più dall’uso massiccio di pesticidi e dal cambiamento climatico.

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button