Rinnovabili

Energia dalle arance, succede in Sicilia

Cosa c’entrano la coca-cola e le arance siciliane? Molto a quanto pare. L’associazione no profit collegata alla multinazionale di Atlanta, infatti, finanzierà un progetto del Distretto agrumi di Sicilia per la ricerca sul ‘pastazzo’, ossia lo scarto della lavorazione degli agrumi, che potrebbe fornire energia.

Energia dalle arance, succede in Sicilia

SCOPRI QUESTI: Ingredienti della cucina naturale, arance e mandarini

Cosa si intende fare con questa sostanza? Il progetto-pilota è portato avanti da una società impegnata nella produzione di energie alternative con l’expertise dell’Università di Catania (dipartimento di ‘Gestione dei sistemi agroalimentari e ambientali’) e vuole arrivare alla produzione di energia utilizzando proprio il pastazzo come biomassa.

SCOPRI ANCHE: Dalle arance una fibra per l’alta moda

In 2 anni si dovrebbe poter creare un primo impianto che costituisca la piattaforma tecnologica per avviare una filiera agroenergetica siciliana.

Un’opportunità, questa, che permette di valorizzare lo scarto delle arance destinate alla produzione di succo (il 60% del totale degli agrumi), e il cui smaltimento comporta costi e problemi non indifferenti per le aziende.

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close