Vivere Bio

Guerrilla gardening l’unica guerriglia che aiuta l’ambiente

Come partecipare e perché al flower bombing

Il guerilla gardening è l’unica forma di guerriglia di cui non avere paura, perché le sue armi sono le bombe di semi, composte di terriccio, argilla, acqua e semi di fiori misti, e la voglia di rendere più verde e sostenibile ogni angolo dimenticato delle città.

Guerrilla gardening l’unica guerriglia che aiuta l’ambiente

Il termine indica un movimento ambientalista che punta a recuperare gli spazi degradati e troppo urbanizzati attraverso la rinascita di piante e fiori, per creare il bello e la natura che sono andati distrutti.

Ci si arma di voglia di fare, ci si incontra in manifestazioni organizzate e si lanciano le seed bomb verso campi incolti o terreni abbandonati nelle strette vicinanze delle periferie oppure in zone degradate delle città.

Questo movimento di guerriglia del giardinaggio nasce negli Stati Uniti ma si diffonde presto in tutto il mondo e anche in Italia. Conosciamolo meglio per capirne obiettivi e metodi.

Cosa è la guerrilla gardening

Si tratta di un movimento ambientalista formato da cittadini comuni e da associazioni ambientaliste che hanno a cuore l’amore per la Natura, ma anche il bisogno di contrastare il degrado urbano e proteggere gli ultimi spazi verdi.

Il movimento, inizialmente solo americano, è oggi internazionale e diffuso in tutto il mondo. Molto attivo sui social attraverso vari canali e gruppi, porta a riunire centinaia di persone per mettere in atto un’azione lampo di ‘guerrilla di giardinaggio’. Sono dei veri e propri attacchi verdi in cui le armi sono delle bombe-seme, vere e proprie bombe di terriccio e semi e null’altro.

Il flower bombing

La sua arma sono le bombe di semi e il suo attacco più cruento si basa sul lancio di questi composti a base di terra e semi: il flower bombing.

È un gesto dimostrativo che punta a mettere in luce problematiche di degrado e di iper-urbanizzazione di alcuni angoli cittadini. Non è mai contemplata la violenza, anzi si tratta di manifestazioni che a volte restano segrete, magari organizzate di notte, senza dare fastidio a nessuno.

Le armi sono le bombe semi che si preparano manualmente con terriccio e compost, argilla in polvere, semi di piante e fiori vari. Si crea un impasto che si lascia seccare per un giorno e poi la bomba è pronta per la guerriglia urbana.

Guerrilla gardening

Si lanciano ovunque ci sia ancora un pezzo di terra che forse potrà diventare un’aiuola fiorita.

Chi partecipa alla Guerrilla gardening

Queste azioni sono aperte a tutti, non bisogna essere per forza giardinieri, né attivisti o iscritti ad associazioni ambientaliste. Chiunque si può informare sugli eventi di flower bombing che vengono periodicamente organizzati e partecipare liberamente.

Le manifestazioni sono spesso piene di mamme con bambini, studenti, appassionati di giardinaggio,  ambientalisti e pensionati… insomma, tutti possono avere il desiderio, anche solo una volta, di partecipare alla guerra verde.

Oltre a seguire manifestazioni organizzate e diffuse sui social media, l’attacco può anche essere organizzato all’interno di piccole comunità, o di scuole ad esempio. È un modo diverso e divertente di prendersi cura del proprio quartiere e del verde cittadino, a volte carente, a volte soffocato dal cemento.

Alcuni gruppi di studenti o di pensionati con il supporto di vivai e associazioni cittadine a volte organizzano giornate di cura e manutenzione del verde urbano, inclusa la potatura di cespugli, ala cura di aiuole e piante e la semina di nuovi fiori.

Come si fa la guerrilla gardening

Si usano delle bombe di semi già preparate. Sono, infatti, un ottimo sistema per propagare i semi vari perché si compongono di:

  • terriccio e compost fertilizzante che li nutrono
  • argilla che serve a proteggerli da intemperie e uccelli, ghiotti di semi
  • semi che sono scelti accuratamente tra specie autoctono o comunque in grado di attecchire facilmente nel luogo scelto per l’attacco.

La semina avviene tramite il lancio di queste piccole bombe sferiche portate in ceste o porta-uova,  nei giardini incolti, in zone non coltivate e di proprietà del Comune.

Non serve piantarli nel terreno ma è sufficiente che la bomba resti sul terreno. Nel giro di un paio di settimane l’acqua piovana e il sole contribuiranno a farla germogliare.

Guerrilla gardening

Per avere un risultato apprezzabile, si consiglia di lanciare almeno 20 palline ogni metro quadro.

Ci sono anche delle regole ben precise.

  • Le persone che vogliono partecipare possono iscriversi a gruppi su profili social aperti a tutti e ben riconoscibili.
  • Non è mai un movimento violento
  • Il flower bombing non si può effettuare in terreni privati o coltivati, ma unicamente in terreni incolti e pubblici, lasciati nell’incuria.

Per chi non sapesse fabbricare da se le bombe di semi, eccone alcune già pronte per essere lanciate in un’azione di guerrilla!

Resetea Pack 6 bombe di biodiversità, blu, giallo e verde
Prezzo: 21,39 €
Prezzi aggiornati il 2-07-2022 alle 8:43 PM.

Guerrilla gardening: origine e storia

Il movimento nasce a New York nel 1973 fondato da Liz Christy che, insieme al gruppo Green Guerrilla, trasformò un lotto privato abbandonato nel Bowery Houston in un giardino.

Lo spazio fiorito esiste ancora, e anzi, è una area verde protetta dal Dipartimento parchi di New York.
Da allora il movimento si è diffuso in tutto il mondo.

Vi sono diversi esempi e manifestazioni degni di nota

  • I meleti dello Utah fatti crescere lungo fossati
  • Gli ortaggi dell’Honduras seminati dai lavoratori delle piantagioni di banane nei terreni incolti nelle immediate vicinanze di terreni a piantagione
  • Il terreno della Guiness lungo le rive del Tamigi: nel 1996 circa 500 attivisti occuparono circa 13 acri di terreno abbandonato, appartenente alla Guinness per evidenziare problemi di spreco e deterioramento dell’ambiente urbano. In questa area ha vissuto per 5 mesi una comunità chiamata Pure Genius!
  • Il Giardino in una notte di Copenaghen: nel luglio 1996 fu realizzato il cosiddetto ‘Giardino in una notte’ in un pezzo di terra vuoto
  • La guerrilla davanti al Parlamento di Londra del 1 maggio 2000 dove si riunirono migliaia di persone.

Guerrilla gardening: le motivazioni

Le motivazioni che spingono ogni anno migliaia di persone, più o meno organizzate, ad affrontare questo genere di manifestazione (non legalizzate ma assolutamente pacifiche) è di evidenziare problematiche di decoro urbano e degrado di alcune aree cittadine.

Guerrilla gardening

A volte, il tema del rinverdimento della città e delle zone degradate è solo una parte del problema questi gruppi vogliono mettere in evidenza. Ci sono anche altri temi da affrontati, come:

  • la mancanza di case popolari
  • la mancanza di strutture per giovani e anziani
  • il consumo eccessivo del suolo
  • l’incuria nella conservazione dello spazio pubblico
  • il degrado delle periferie
  • l’abbandono di alcune zone da parte delle amministrazioni

Obiettivi della guerriglia verde

Chi partecipa ha semplici e chiari obiettivi

  • riqualificare uno spazio del quartiere
  • abbellire un’area cittadina
  • portare piante e fiori in spazi verdi abbandonati

I guerrilleri green non sono legalizzati ma gli obiettivi non si scontrano con la legalità. Semplicemente si appropriano di piccoli spazi abbandonati e degradati e cercano di portare bellezza e decoro.

Guerrilla gardening

Guerrilla gardening in Italia

Esistono in Italia molti gruppi che si dedicano al flower bombing. Per farne parte basta contattare i gruppi tramite i social, perché spesso comunicano tramite Facebook o Twitter.

Esiste poi un sito guerrillagardening.it aperto a tutti coloro che vogliono informazioni o che semplicemente sono interessati.

In Italia il movimento si è diffuso a partire dal 2006 a Milano, tra gruppi di studenti interessati ad opporsi al degrado cittadino. Oggi è presente in tutte le regioni.

Associazioni di guerrilla gardening da Milano a Roma

Ogni regione ha il suo gruppo social che si riunisce ogni tanto, e organizza qualche evento annuale, per il flower bombing. Ecco l’elenco di alcuni gruppi noti in Italia:

  • Sardegna: facebook.com/GliGnomiGiardinieriFan sono di base a Cagliari
  • Sicilia: facebook.com/guerrilla.gardeningpalermo sono presenti a Palermo/li>
  • Puglia effettoterra.blogspot.com sono di stanza a Bari
  • Campania: friarielliribelli.blogspot.it fa base a Napoli
  • Lazio: facebook.com/groups/346179672203/ è la pagina dei Giardinieri Sovversivi Romani
  • Umbria: facebook.com/la.riciclamica è di base. a Perugia
  • Toscana: facebook.com/pages/Guerrilla-gardening-Piombino-e-dintorni/115780168533643 fa gruppo a Piombino (LI)
  • Toscana: Gorilla Gardening Firenze
  • Emilia-Romagna: terradinettuno.blogspot.com è presente a Bologna assieme a fantedifiori.blogspot.it
  • Liguria: zenazappata.wordpress.com è una associazione di Genova
  • Piemonte: invece badilibadola.wordpress.com è a Torino
  • Veneto: facebook.com/robin.wood.9634 sta a Portogruaro
  • Lombardia: piantevolanti.blogspot.com è di base a Milano, Guerrilla Gardening Brescia è su Brescia, mentre Guerrilla Gardening è operativa a Milano, e Guerrilla Gardening Monza a Monza

Alcune critiche alla guerrilla gardening

Anche i guerriglieri del giardinaggio possono fare degli errori e ricevere delle critiche. Una delle principali è quella di non avere competenza di giardinaggio e quindi di lanciare bombe di semi inadatte al terreno del luogo, oppure non autoctone.

Questo può causare due cose:

  • l’inutilità dell’azione perché i semi non riescono ad attecchire
  • il proliferare di vegetazione spontanea inutile e anche portatrice di allergie e di insetti fastidiosi
  • agire nella segretezza o in maniera poco organizzata, così da non ottenere riconoscimento, e impedisce alle amministrazioni di prendere consapevolezza del problema

ScriBio

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button