Il bambù, eco-materiale per costruire in modo green

di Elle del 8 settembre 2017

Il bambù come materiale da costruzione sta destando l’interesse degli addetti ai lavori. In questo articolo, passeremo in rassegna alcuni suoi indubbi pregi da questo punto di vista.

Il rispetto per l’ambiente oggi è fattore di primaria importanza anche nell’ambito dell’edilizia e del design.

A volte scoprendo materiali green frutto di recenti ricerche e tecnologie moderne. Altre volte, invece, è la riscoperta di antiche tecniche costruttive andate abbandonate che fornisce soluzioni efficaci.

Il bambù come materiale da costruzione

È il caso, ad esempio, del bambù. Una graminacea dalla notevole velocità di crescita, che può fornire un eco-materiale utile per costruire realizzando un minor impatto ambientale.

Caratteristiche ecologiche del bambù

Gli aspetti positivi dell’impiego di bambù nelle costruzioni risiedono anche nel fatto che per la sua coltivazione non occorrono fertilizzanti ed in più questa pianta ha la capacità di immagazzinare molta anidride carbonica. La  sua rapida proliferazione lo rende anche un materiale alquanto economico. Pensate che questa pianta può crescere fino a 120 cm in un giorno!

E’ stato calcolato che la resa di una piantagione è fino a 20 volte maggiore di un bosco della stessa area.

Si tratta, infatti, di una pianta molto resistente ma al contempo leggera; tanto da resistere ai terremoti rispetto ai materiali classici utilizzati in edilizia.

UN’ALTRA TECNICA COSTRUTTIVA: Come ti costruisco una casa di paglia

Proprietà strutturali del bambù

Di contro, occorre sottolineare che le proprietà del bambù restano intatte considerandone la sua struttura integrale; è per questo che tale pianta non si presta nel modo ottimale a lavori di falegnameria.

Può trovare, invece, largo impiego nella realizzazione di pavimenti, una valida alternativa all’uso di essenze tradizionali (come rovere e faggio) che, per quanto a rapida riforestazione, non eguaglieranno mai la velocità di questa pianta esotica (la varietà più adatta arriva a 30 cm in una notte).

bambù

Una bella istantanea della celebre foresta di bambù a Kyoto, in Giappone

L’aspetto più critico

Parliamo del fattore distanza. Poiché le piantagioni di bambù sono diffuse soprattutto in Asia, l’impiego di questo materiale nelle nostre costruzioni è legato ad un elevato dispendio di CO2 per il suo trasporto che va soppesato attentamente rispetto all’uso dei materiali locali.

Questo è allo stato attuale l’aspetto più delicato del bambù come materiale di costruzione su larga scala.

Forse ti potrebbe interessare anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment