Design

Inaugurato il primo asilo ad architettura passiva d’Italia

Grazie a legno, pannelli fotovoltaici e turbine eoliche, la prima scuola per l’infanzia eco-sostenibile d’Italia è oggi una realtà e si trova in provincia di Pisa!

Inaugurato il primo asilo ad architettura passiva d’Italia

Inaugurato da poco più di un anno, “L’Aquilone” di San Frediano a Settimo, frazione del comune di Cascina, è il primo asilo nido certificato classe A, ovvero a consumi ridottissimi. Totalmente eco-compatibile ed eco-sostenibile, fatta unica eccezione per le fondamenta, per questo edificio i costruttori si sono occupati di riutilizzare le materie prime, cosicché la scuola potesse ritenersi veramente a impatto zero.

Gli architetti si sono inoltre imposti di studiare accuratamente lo spazio, di modo che le facciate fossero adeguatamente esposte alla luce solare; il rivestimento esterno delle pareti in legno, non è solo perfetto per tenere l’edificio al riparo dagli agenti atmosferici, ma è anche stato messo appunto per far risparmiare, a questa avvenieristica eco-school, sia calore che energia.

campigli-legnami-cascina
Il primo asilo eco-compatibile d’Italia è totalmente realizzato in legno

E a proposito di risparmio: il primo asilo ad architettura passiva d’Italia consuma solo 28 kWh/mq all’anno! Ma non è finita qui, questa struttura pre-scolare, costruita in soli 18 mesi, è composta da ben 200 mq di pannelli fotovoltaici da 14 kW e da tre turbine eoliche verticali da 3kW, per una produzione energetica totale di 17.150 kWh all’anno.

LEGGI QUI: Eco-school, le scuole diventano verdi e con la certificazione

scuola materna san frediano
Il legno aiuta l’edificio a rimanere caldo; le vetrate favoriscono l’illuminazione

Ma soprattutto, grazie ai suoi 27 mq di pannelli solari termici, è totalmente autosufficiente. L’edificio è infatti uno splendido esempio di architettura scolastica ‘passiva’, poiché anziché utilizzare sistemi di riscaldamento convenzionali, è in grado di rilasciare e mantenere calore (e in estate la necessaria e giusta ventilazione), con un bel risparmio in termini di costi; il recuperatore di calore installato nella zona centrale dell’edificio, si occupa di raccogliere e rilasciare all’esterno l’aria viziata, mentre grazie ai pannelli solari termici si stima un risparmio di circa 200 lt. d’acqua al giorno! Insomma, un asilo davvero a emissioni zero, che si traducono in rispetto per l’ambiente e più salute per i bambini ospitati, ben 86.

il primo asilo ad architettura passiva d'Italia
L’asilo è stato studiato per essere il più possibile esposto alla luce solare

L’acqua di sciacquo dei servizi igienici arriva direttamente dalla cisterna, che ne conserva fino a 5.000 litri ricavati dalla pioggia. Inoltre i collettori trasformano l’energia presa dal sole per riscaldarla, così non solo d’inverno non saranno necessari i termosifoni ma nemmeno le caldaie; con un risparmio annuale stimato in circa 7.300 kWh.

APPROFONDISCI: L’energia geotermica per riscaldare la casa. Cos’è e quanto costa

scuola-infanzia-san-frediano
A San Frediano a Settimo, ventilazione e riscaldamento sono naturali

E poi tante vetrate per far entrare la luce del giorno, e verde tutt’attorno! E anche il design degli interni di Colucci & Partners non è da meno, sia per qualità che per stile: perché anche l’occhio (di una mamma) vuole la sua parte; una scuola perfetta insomma, anche dal punto di vista del gusto: basta guardare alle finiture.
E la ciliegina sulla torta? Che è un nido comunale.

Potrebbe interessarti anche:

La Ica

Web editor freelance per portali e siti che si occupano di viaggi, lifestyle, moda e tecnologia. Districatrice di parole verdi per TuttoGreen dal maggio 2012, nello stesso anno ha dattiloscritto anche per ScreenWeek. Oggi, pontifica su Il Ruggito della Moda, scribacchia di cinema su La Vie En Lumière, tiene traccia delle sue trasvolate artistiche su she)art. e crea Le Maglie di Tea, una linea di magliette ecologiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close