Notizie

Inquinamento pericoloso per il feto, uno studio ne approfondisce i legami

Che lo smog esponga a seri rischi la salute umana, è un fatto ormai noto. Che sia ancor più pericoloso per le donne incinte e rappresenti un moltiplicatore importante delle probabilità che madre e feto sviluppino malattie anche gravi lo conferma un numero sempre più alto di studi scientifici approfonditi.

Inquinamento pericoloso per il feto, uno studio ne approfondisce i legami

L’ultimo, in ordine di tempo, arriva dagli USA dove un tema di ricercatoridell’Università della Florida ha dimostrato la correlazione tra l’esposizione ad alti livelli di inquinamento e le malattie che si possono contrarre in gravidanza.

LEGGI ANCHE: Mangiare male in gravidanza mette a rischio i nascituri

La ricerca dimostra che una donna incinta residente in aree urbane particolarmente afflitte da smog e altri inquinanti dispersi nell’aria (monossido di carbonio e biossido di zolfo) ha molte più probabilità di sviluppare malattie ipertensive molto pericolose per la salute del bambino.

Lo studio, condotto su un campione di 20.000 donne seguite durante i 9 mesi di gravidanza, ha incrociato i dati registrata dall’EPA sui livelli di inquinamento delle zone di residenza della gestanti nel medesimo intervallo di tempo. La conclusione è che il 4,7% di loro aveva sviluppato qualche forma di malattia ipertensiva collegabile agli inquinanti atmosferici a cui erano state esposte nei primi 6 mesi.

FOCUS: Avvelenamento da mercurio: quali rischi e come proteggersi

La preeclampsia, ad esempio, nota anche come gestosi e tossiemia gravidica, è una patologia caratterizzata da improvvisi aumenti della pressione del sangue che può svilupparsi dopo la ventesima settimana di gestazione: se non affrontata per tempo e adeguatamente monitorata, può provocare il distacco della placenta, grave insufficienza renale, edema polmonare, emorragia cerebrale, convulsioni.

Anche se le evidenze scientifiche sono ancora limitate, la ricerca ha comunque dimostrato che l’esposizione all’inquinamento atmosferico durante i mesi decisivi per lo sviluppo del feto aumenta in maniera esponenziale il pericolo che la gestante contragga malattie come la preeclampsia le cui conseguenze dirette e indirette sulla salute del bambino in alcuni casi diventano difficilmente prevedibili.

Respirare smog, insomma, per una donna incinta potrebbe essere pericoloso quanto fumare sigarette.

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close