Notizie

Legambiente, soldi per il piano contro il dissesto idrogeologico cancellando 6 grandi opere

Che in Italia vi sia un diffuso dissesto idrogeologico su tutto il territorio è cosa nota e denunciata da tempo. L’attuale Ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha presentato un piano al Comitato interministeriale per la programmazione economica – il Cipe – al fine di realizzare: “la revisione degli usi del territorio”, “misure per la protezione di case e fabbriche o per la loro delocalizzazione”, “ampliare le fogne delle città, creare canali scolmatori, costruire sistemi di laminazione delle piene”.

Legambiente, soldi per il piano contro il dissesto idrogeologico cancellando 6 grandi opere

Il problema però è che servono miliardi di euro, che non si sa dove reperirli. Alcune associazioni – tra cui Legambiente, WWF e FAI – hanno scritto una lettera congiunta al Ministero proponendo un modo per reperire fondi. Per la precisione dieci miliardi, da spendere per evitare i disastri di alluvioni e piene.

Come? Rinunciando a 6 grandi opere giudicate inutili dalle associazioni ambientaliste.

In particolare: via la Tav Torino-Lione, ed ecco 5.6 miliardi; via l’autostrada Tirreno-Brennero ed eccone altri 1,4. Da cancellare anche l’autostrada Orte-Mestre (1,4 mld), rinunciare definitivamente al Ponte sullo Stretto di Messina (250 mln) all’autostrada Cisterna Valmontone e al corridoio Roma-Latina (711 milioni). Tracciando una riga su questi progetti già finanziati e in parte anche avviati, si avrebbero 9,442 miliardi di euro.

La loro proposta sarà ascoltata o resterà “lettera morta”?

Leggi anche:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close