Notizie

Elevare i limiti inquinamento elettromagnetico: c’è chi dice no!

Sembra che stia per arrivare un nuovo decreto sulla banda larga e le tecnologie wireless che va anche a elevare i limiti inquinamento elettromagnetico, ma le polemiche sono tante.

Oltre settantamila medici tra biologi, fisici e ricercatori hanno aderito ad una lettera aperta indirizzata al Governo italiano per dire ‘NO’ all’innalzamento dei limiti previsti per l’inquinamento elettromagnetico. Un provvedimento che ha già suscitato molte polemiche e preoccupazioni in tutta la comunità scientifica e che si trova tuttora al vaglio dell’Esecutivo.

Elevare i limiti inquinamento elettromagnetico: c’è chi dice no!

L’appello, firmato anche da 50 associazioni e diversi comitati italiani, sottolinea la pericolosità e i rischi per la salute umana e per l’ambiente legati ad un’esposizione sempre più massiccia a campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde generati da telefoni cellulari, smartphone, tablet, antenne wifi, radar, ripetitori radiofonici e radiotelevisivi e della telefonia mobile, sempre più diffusi sul nostro territorio.

Leggi anche:

Oltre alla lettera sottoscritta dai tanti rappresentati della Comunità scientifica Italiana, chiunque può aderire entro fine marzo alla petizione cartacea per la tutela della salute contro le radiazioni elettromagnetiche: basta stampare la petizione e compilarla con il nome e cognome, il documento di riconoscimento, la data e la firma del sottoscrittore.

Le petizioni così compilate dovranno essere spedite ad AMICA – Casella Postale 3131 – 00121 Roma

L’iniziativa scaturisce dai recenti piani di sviluppo resi noti dal Governo a supporto della banda larga e delle tecnologie di comunicazione senza fili, comprese le reti wifi, i ripetitori radiofonici, radiotelevisivi e della telefonia mobile. Secondo i bene informati, l’obiettivo dell’Esecutivo è di innalzare i limiti previsti dalla legge per l’inquinamento da fonti elettromagnetiche di 10 punti, equiparandoli a quelli già in vigore in Europa.

Tra le richieste più importanti, la petizione fa esplicito riferimento al divieto dell’installazione di reti WiFi negli asili e nelle scuole frequentate da ragazzi sotto i 16 anni di età e alla necessità di aggiornare gli standard di valutazione redatti dall’Institute of Electrical and Electronic Engineers nel 1992 e ritenuti ormai obsoleti. A tal proposito, anche la IARC (Associazione internazionale per la ricerca contro il cancro) ha riconosciuto nel 2011 la possibilità di un effetto cancerogeno per l’uomo indotta dall’esposizione a radiazioni non ionizzate che avrebbero, dunque, effetti biologici e non solo termici.

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button