Notizie

L’inquinamento in Cina è anche colpa delle industrie che delocalizzano e delle importazioni

Abituati a comprare e utilizzare prodotti di fabbricazione cinese di qualsiasi genere e categoria merceologica, forse saremo tentati a pensare che anche l’inquinamento atmosferico che affligge il nostro Pianeta porti con sé l’etichetta ‘Made in China’. D’altra parte è ciò che ci hanno sempre raccontato e le evidenze scientifiche confermano questa teoria. Eppure, l’altra faccia della medaglia racconta una verità più complessa e svela sfumature che fanno ripensare al ruolo e alle responsabilità dei paesi occidentali.

L’inquinamento in Cina è anche colpa delle industrie che delocalizzano e delle importazioni

Un team di ricercatori internazionali ha recentemente ‘scoperto’ che gran parte dell’inquinamento atmosferico prodotto in Cina dipende dalle industrie europee e americane che decidono di spostare a est la produzione, nonché dall’aumento vertiginoso delle importazioni dal continente cinese.

LEGGI ANCHE: 

In altre parole, se la Cina è il primo paese al Mondo per emissioni inquinanti, la colpa non è solo dei cinesi ma dell’attività industriale generata per soddisfare la domanda economica occidentale. Negli ultimi anni, in particolare, la richiesta di prodotti elettronici di fabbricazione asiatica ha conosciuto una vera e propria impennata, e questo si è tradotto in un maggiore rilascio di sostanze inquinanti nell’atmosfera.

Stesso trend per quando riguarda la delocalizzazione delle attività produttive che dall’occidente si spostano in oriente per ridurre i costi e aumentare la produzione. Anche in questo caso, il risultato è l’aumento di CO2 e di altri gas serra che nell’ultimo decennio sono addirittura raddoppiati rispetto ai tre decenni precedenti, sfiorando i 14 miliardi di tonnellate all’anno; di queste, 2 GigaTonnellate sono state prodotte per la fabbricazione di beni destinati all’export.  (Fonte: ‘Intergovernmental Panel on Climate Change).

POTREBBE INTERESSARTI: Aria in lattina per cinesi assediati dallo smog!

Gli studi presi in esame suggeriscono, quindi, di analizzare il fenomeno ‘inquinamento’ a partire da una molteplicità di fattori e di non additare i cinesi come gli unici responsabili dei cambiamenti climatici e degli altri disastri ambientali ormai tristemente noti.

Eloquenti, in tal senso, le parole utilizzate dagli autori dello studio per commentare i risultati raccolti: ‘La cooperazione internazionale, per limitare l’inquinamento atmosferico di paesi terzi, deve affrontare la questione della responsabilità di emissioni di un paese per la produzione di beni a sostegno dei consumi di un altro’.

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button