Notizie

Lupo simbolo del parco di Yellowstone ucciso da cacciatori

È morta sotto i colpi delle armi di alcuni cacciatori, in Wyoming, la lupa più celebre del parco naturale di Yellowstone. L’animale è stato trovato appena fuori dai confini del parco con ancora indosso il costosissimo collare super-tecnologico che gli scienziati le avevano montato per monitorare i suoi movimenti e osservare da vicino la vita del branco di cui era leader.

Lupo simbolo del parco di Yellowstone ucciso da cacciatori

Una sorte comune ad altri 8 esemplari che hanno perso la vita per essersi avventurati fuori dall’area protetta, in un territorio dove la caccia – compresa quella a danno di specie in via d’estinzione – non lascia scampo ai lupi, anche perché la maggior parte dei proprietari dei ranch nelle immediate vicinanze sono convinti che uccidere questi temibili predatori sia l’unico modo per mettere al sicuro il proprio bestiame.

LEGGI ANCHE: Chi ha paura del lupo cattivo? Non il WWF…

832F (nome in codice della lupa) era l’esemplare più acclamato da turisti e visitatori di Yellowstone, dove la popolazione dei lupi non è abbastanza forte e numerosa da fronteggiare l’attacco dei cacciatori.

Attualmente sono solo 400 gli esemplari viventi nel Wyoming, distribuiti in dieci branchi, e presenti solo nel parco di Yellowstone.

La loro sopravvivenza è appesa a un filo sempre più sottile.

Forse ti potrebbe interessare anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button