Pompa di calore ad assorbimento: come funziona e quanto ecompatibile è?

di Magi del 17 Febbraio 2011

La pompa di calore è un apparecchio in grado di trasferire il calore presente in un fluido a temperatura più bassa ad un altro fluido a temperatura più alta.

Pompa di calore ad assorbimento: come funziona e quanto ecompatibile è?

La pompa di calore deve perciò il suo nome al fatto che essa provvede a innalzare il calore da un livello inferiore a un livello superiore di temperatura, invertendo quindi il flusso naturale del calore che in natura, invece, fluisce da un livello di temperatura più alto ad uno più basso.

Attualmente, in commercio sono disponibili due diversi tipi di pompe di calore:

–       elettriche, funzionanti per mezzo di un compressore alimentato elettricamente;

–       ad assorbimento, funzionanti per mezzo di un bruciatore alimentato a metano o GPL.

Analizziamo ora, in particolare, le funzionalità  e i vantaggi, in termini di eco-compatibilità, della pompa di calore ad assorbimento (fonte: www.robur.it).

Come le normali caldaie utilizzate per il riscaldamento degli ambienti domestici, le pompe di calore ad assorbimento sono in grado di fornire sia acqua calda per il riscaldamento e per usi sanitari (cioè l’acqua calda usata in bagno e in cucina), sino a una temperatura massima di 70 gradi, sia acqua fredda per il condizionamento estivo, sino ai 3 gradi, utilizzando le stesse tubazioni idrauliche tradizionali che distribuiscono l’acqua calda.

Trattandosi quindi in parte di una caldaia a condensazione e in parte di una pompa di calore, si sommano così il calore prodotto dalla combustione del gas a quello recuperato dall’ambiente esterno, ottenendo una sintesi sensibilmente più efficace dei vantaggi offerti singolarmente dalle due forme di riscaldamento più diffuse (caldaia a condensazione e pompa di calore elettrica).

Il vantaggio nell’uso della pompa di calore ad assorbimento deriva perciò dalla sua capacità di fornire più energia di quella impiegata per il suo funzionamento, poiché è in grado di recuperare il calore dall’ambiente esterno, attingendo al patrimonio di energia rinnovabile potenzialmente contenuto nelle cosiddette ‘sorgenti fredde’, cioè i mezzi esterni da cui è possibile estrarre il calore:

–       l’aria, attraverso pompe aerotermiche: l’aria, come sorgente, ha il vantaggio di essere disponibile ovunque ma la potenza resa dalla pompa di calore diminuisce con l’abbassarsi della sua temperatura.

–       l’acqua (di falda, di fiume o di lago, se presente in prossimità dei locali da riscaldare e a ridotte profondità), attraverso pompe idrotermiche: l’acqua garantisce le prestazioni della pompa senza risentire delle condizioni climatiche esterne, ma richiede un costo addizionale dovuto al sistema di adduzione e al suo trattamento.

–       il terreno, attraverso pompe geotermiche: come sorgente fredda, ha il vantaggio di subire minori sbalzi di temperatura rispetto all’aria ed il suo calore viene assorbito per mezzo di sonde geotermiche, costituite da speciali tubazioni, o orizzontali (richiedono un’estensione di terreno pari a circa 2 volte la superficie da riscaldare e vengono interrate ad una profondità massima di 1/1,5 metri per non risentire troppo delle variazioni di temperatura dell’aria esterna e per poter mantenere i benefici effetti dell’insolazione) o verticali (lunghe diversi metri, non necessitano di grandi estensioni, come quelle orizzontali, ma della trivellazione di pozzi profondi in cui possano essere inserite).

Il fluido, aria o acqua che sia, cui si cede il calore prodotto e recuperato dall’esterno si dice invece ‘pozzo caldo’. La cessione del calore all’aria può avvenire attraverso:

–       ventilconvettori, cioè strutture ad armadietto in cui l’aria circola attraverso corpi scaldanti;

–       canalizzazioni, cioè bocchette di diffusione che trasferiscono l’aria calda nei diversi locali.

La cessione di calore all’acqua, invece, può avvenire attraverso:

–       il riscaldamento con serpentine a pavimento (impianto a bassa temperatura);

–       l’installazione dei tradizionali termosifoni (impianto ad alta temperatura).

La resa termica della pompa di calore varia in funzione della temperatura della sorgente fredda e del pozzo caldo: più questi valori differiscono tra loro, più la resa termica diminuisce e viceversa.  E’ fondamentale, quindi, valutare il corretto dimensionamento dell’impianto, in relazione alla tipologia di edificio e all’uso, affinché i costi di installazione, certamente non irrisori, non siano superiori ai vantaggi in termini di risparmio energetico: l’ormai comprovata affidabilità di questo tipo di impianti, alternativi ai tradizionali, può veramente garantire importanti benefici nella riduzione dei consumi di energia, con conseguente impatto positivo sull’ambiente.

{ 2 comments… read them below or add one }

Miriam giugno 22, 2013 @ 3:53 pm

Le pompe di calore ad assorbimento sono un’altra cosa (AHP)…. le GHP sono le Gas engine driven Heat Pump… ossia pompe di calore a gas (per capirci…. chi fornisce energia al compressore non è un motore elettrico (come accade nelle pompe di calore elettriche EHP) ma bensì un motore a combustione interna a gas! Quelle ad assorbimento non sono a compressione di vapore!!!

Rispondi

Francesco giugno 21, 2012 @ 9:54 am

POMPE DI CALORE
RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO DEGLI AMBIENTI
http://www.geotermiaitalia.it/catalogo/prodotti.html

Sono sistemi completi di riscaldamento e raffrescamento energeticamente efficiente che assicurano una climatizzazione interna economica e al tempo stesso eco-sostenibile.
Questa tecnologia è disponibile per installazioni residenziali mono/plurifamiliari ed edifici industriali e commerciali di grandi dimensioni.

Pompe di calore geotermiche;
Pompe di calore aria-acqua;
Pompe di calore ad aria esausta.

La pompa di calore geotermica utilizza come fonte di calore il sottosuolo o l’acqua di falda e consente un risparmio sui costi per il riscaldamento fino al 80%.
Non è necessario risiedere in una zona termale per usufruire dei benefici del calore sotterraneo: a partire da 10 mt di profondità fino ai 100 mt le temperature si attestano intorno ai 10-12°C per tutto l’anno costituendo una fonte di calore ottimale per il funzionamento della pompa di calore.

La pompa di calore aria-acqua utilizza come fonte di calore l’aria esterna e consente un risparmio sui costi per il riscaldamento fino al 50-60%.
Questa pompa di calore ha un’efficienza straordinaria; ad esempio possono produrre acqua calda per riscaldamento o usi sanitari fino a temperature di 65°C con il solo compressore e lavorare fino a temperature esterne di -25°C!!!

La pompa di calore ad aria esausta utilizza come fonte di calore l’aria viziata presente nella casa, consente un risparmio sui costi per il riscaldamento fino al 50%.

Rispondi

Leave a Comment