Design

La scuola che produce energia illuminando un intero quartiere

Un piccolo ‘miracolo’ si compie, mentre leggete questo articolo, in un quartiere alla periferia nord di Londra, in una scuola che produce energia a beneficio dell’intera comunità.

Si tratta della scuola primaria di Ashmount, piccolo istituto del Crouch Hill Community Park, che da sola genera energia e calore sufficiente a illuminare e riscaldare tutto il quartiere.

La scuola che produce energia illuminando un intero quartiere

L’edificio – progettato secondo l’innovativo sistema energetico ‘carbon-negative‘ dallo studio di architettura Penoyre&Prasad – si è già aggiudicato il prestigioso premio BREEAM ed è stato recentemente riconosciuto come uno de migliori progetti di architettura londinesi del 2015 dal Royal Institute of British Architects.

2
Un altro dettaglio di questa scuola che produce energia e calore

Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta. Innanzitutto l’edificio fa parte di un progetto di recupero e riqualificazione urbana del Metropolitan Open Land e sorge all’interno di un sito molto importante dal punto di vista ecologico e paesaggistico per la comunità.

Le superfici verticali che compongono l’istituto sono state studiate per massimizzare la luce naturale che filtra in tutti gli ambienti interni, pur mantenendo il giusto livello di privacy e un adeguato isolamento termico.

3
Una istantanea del cortile: non male come scuola elementare…

Gli obiettivi perseguiti durante la progettazione di questa scuola che produce energia da parte dagli architetti dello studio Penoyre & Prasad sono il bassissimo consumo energetico, il recupero di calore attraverso il sistema e-stack, elevati livelli di isolamento e la riciclabilità dei materiali utilizzati e il recupero di quelli di scarto. In effetti la scuola di Ashmount è stata costruita con materie prima riciclate per almeno il 30%, elementi architettonici a basso VOC (Volatile Organic Compounds) e legname certificato FSC.

1
Bambini contenti? Probabilmente sì.. e anche orgogliosi di quello che fa la scuola per la comunità

Circa il 90% dei materiali di risulta, invece, è stato avviato a un processo di riciclo.

Oltre ad essere un ammirevole esempio di architettura a basso impatto ambientale e ad ancor più basso consumo energetico, la scuola produce energia propria in grande quantità grazie ad un innovativo sistema basato su fonti energetiche rinnovabili.

Un impianto cogenerativo alimentato da microturbine a gas, infatti, genera calore sufficiente a soddisfare il fabbisogno dell’istituto e degli edifici residenziali vicini. In inverno, quando la richiesta energetica cresce, le aule scolastiche sono riscaldate dal’energia prodotta da una caldaia a biomassa. Nessun pericolo di spreco neanche sul fronte idrico: l’acqua piovana e le acqua grigie vengono raccolte e riciclate per l’irrigazione e i servizi igienici. Stupefacente, non vi pare?

Forse ti potrebbe interessare anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close