Notizie

Smaltimento pneumatici, tra discariche abusive e traffici illeciti

Dopo anni di discussioni sta per partire finalmente il sistema nazionale di raccolta dei pneumatici fuori uso, PUF, grazie ad un accordo tra i 6 principali produttori di pneumatici che operano in Italia.

Smaltimento pneumatici, tra discariche abusive e traffici illeciti

Ricordiamo infatti che l’Unione Europea a partire dal 2003 ha vietato lo smaltimento in discarica dei pneumatici interi e nel 2006 dei PUF frantumati. A partire dal 2010 il nostro paese ha inoltre vietato lo smaltimento dei pneumatici fuori uso in discarica. Purtroppo in seguito a tale decisione si è registrato un incremento dell’abbandono illegale dei puf.

Ecco quindi che l’accordo a cui si è giunti, per un corretto smaltimento dei pneumatici fuori uso, riveste una enorme importanza, sia dal punto di vista ambientale che dal punto di vista di lotta all’evasione e ai traffici illeciti.  A tal proposito, un recentissimo rapporto di Legambiente ed Ecopneus ha portato alla luce numeri davvero impressionanti.

In Italia ogni anno si producono 350.000 tonnellate di pfu, 87.000 tonnellate sono smaltite illegalmente in oltre 1.000 discariche abusive equamente divise tra Nord e Sud. Detto ciò il danno il danno economico è quantificabile in oltre 2 miliardi di euro, senza dimenticare l’aspetto più importante: i traffici illeciti che ne derivano.

Grazie al corretto smaltimento dei pneumatici fuori uso sarà possibile effettuare il recupero energetico, riustilizzato poi come materia prima in ambito urbano e industriale.

Quando sostituiamo i nostri pneumatici, ricordiamoci quindidi assicurarci che questi vengano smaltiti secondo la legge vigente. E’ un nostro diritto ed un nostro obbligo morale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close