Anche in Yemen si punta sulle rinnovabili

di Eryeffe del 4 dicembre 2015

Se il governo locale sarà in grado di cogliere la sfida anche lo Yemen potrà risolvere i suoi problemi energetici attraverso fonti rinnovabili. Lo stato arabo, attualmente, riesce a provvedere solo per 1/3 al proprio fabbisogno energetico, ma il territorio presenta tutte le caratteristiche per una conversione di successo all’ energia pulita: il vento delle coste occidentali, tanto sole e una modesta geotermia.

Non a caso, chi ha già puntato tutto sulle rinnovabili è stato ampiamente ripagato. E’ il caso di Abdulmajeed al-Wahabani, uno dei primi imprenditori yemenita a scommettere sulle potenzialità del solare, i cui affari oggi vanno a gonfie vele.

Forse, la campagna lanciata per la diffusione delle rinnovabili che punta ad una piena copertura in tutto il Paese entro il 2015 è un po’ ambiziosa, tuttavia le autorità competenti stimano una potenzialità per l’energia pulita di oltre 50.000 MW, 50 volte superiore alla produzione energetica attuale. Molti esperti del settore attribuiscono la colpa per il mancato ‘boom’ delle rinnovabili alle titubanze del governo yemenita, ancora impegnato nei sussidi all’industria petrolifera e poco attivo nel mostrare alla popolazione le enormi possibilità di sviluppo commerciale dell’energia pulita.

Da parte sua, il governo respinge le accuse facendo leva sul piano energetico approvato già nel 2010 per il potenziamento delle rinnovabili e dell’elettrificazione delle aree rurali, che si pone l’obiettivo d’installare 20mila pannelli solari nelle case di campagna, aumentando così del 20% l’apporto delle rinnovabili al totale del fabbisogno energetico a partire dal 2020.

Intanto però gli stravolgimenti nella geopolitica regionale hanno modificato le priorità dell’agenda di governo. Per fronteggiare l’emergenza economica, la Banca Mondiale ha riconvertito i fondi  destinati a finanziare la fattoria del vento di Al Mokha da 60 MW. Il piano dovrebbe comunque ripartire  a breve, mentre il governo sta per completare la fornitura di 7mila unità solari individuali nelle aree rurali.

L’agenzia americana per lo sviluppo internazionale (USAID) ha avviato un articolato programma per sconfiggere la povertà nelle campagne yemenite più depresse mediante lo sviluppo delle rinnovabili. Sono già state realizzate alcune serre dimostrative alimentate ad energia solare per sconfiggere le malattie delle piante e migliorare le tecniche dell’irrigazione, consentendo il risparmio idrico.

Tecnologie molto costose (9.000 US$) che aumentano però notevolmente la produttività dell’agricoltura. Al governo ora il compito di attivare la leva creditizia e bancaria, per venire incontro alle esigenze degli agricoltori poveri e diminuire la dipendenza dal petrolio.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *