Circo con gli animali: Quartu Sant’Elena e Fiumicino non lo vogliono più

di Elle del 1 novembre 2012

Dopo l’episodio di Imola, in cui una giraffa è scappata da un circo ed è morta per la paura, sembra che qualcosa stia cambiando nella sensibilità di alcune amministrazioni italiane.

Gli spettacoli circensi con animali sono ormai note occasioni di sopraffazione verso creature costrette a vivere in gabbia e sottoposte a situazioni molto distanti dalle loro esigenze etologiche.

Il tutto per divertimento di noi umani. Il cambiamento parte da provvedimenti come quello introdotto a Fiumicino, dove sono d’ora in poi vietati spettacoli ed eventi che prevedano l’impiego di qualsiasi animale, dai leoni ai cani.

SCOPRI ANCHE: Circo con animali: La Cina li mette al bando e limita anche gli zoo

Il consiglio del Comune alle porte della Capitale ha dichiarato lo stop alle manifestazioni circensi che si basano sullo sfruttamento verso gli animali. Così la città si è contraddistinta come capofila nella difesa dei diritti degli animali, attraverso l’adozione di un vero e proprio codice etico che va a colmare un vero e proprio vuoto legislativo in termini di tutela degli animali selvatici e domestici.

Tra i comuni ‘virtuosi’ anti-circo si inserisce anche quello di Quartu Sant’Elena che ha deciso di chiudere le porte al circo Orfei e sta lavorando per la disincentivazione degli spettacoli circensi e non con animali.

VAI A: Animali in gabbia: la situazione degli animali in cattività in Italia

Il nostro augurio è che si continui su questa strada, dando più spazio a spettacoli ed eventi artistici che vedano come protagonista consapevole e anche come spettatore, solo l’uomo.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *